CONDIVIDI
Il terrorista Anis Amri ucciso a Milano dalla polizia
Il terrorista Anis Amri ucciso a Milano. Il responsabile dell’attentato a Berlino è stato ucciso a Sesto San Giovanni nel corso di un conflitto a fuoco. Anis Amri è l’uomo che dopo un normale controllo della polizia ha estratto una pistola dallo zaino ed ha fatto fuoco sugli agenti. Lo provano i i tratti somatici ed il confronto delle sue impronte con quelle rinvenute nel tir con cui è stata compiuta la strage nel mercatino di Natale. La conferma ufficiale è venuta dal Ministro dell’Interno Marco Minniti nel corso di una conferenza stampa.

L’uccisione del terrorista: la ricostruzione dei fatti.

Il terrorista Anis Amri è stato fermato dalla polizia per un controllo mentre camminava a piedi di fronte alla stazione di  Sesto S. Giovanni alle tre del mattino. Senza esitazione ha estratto una pistola calibro 22 dallo zaino che aveva con sé ed ha sparato agli agenti urlando “Allah Akbar”. Uno dei due è rimasto ferito ad una spalla ed il collega ha risposto al fuoco uccidendo il magrebino. L’uomo è arrivato in Italia dalla Francia, raggiungendo Torino e poi spostandosi in treno fino a Milano. Successivamente è giunto a Sesto San Giovanni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA