CONDIVIDI
Proroga Opzione Donna, le ultime news ad oggi 9 novembre 2017!

Pensioni anticipate, flessibilità in uscita ed Ape volontario, le ultime novità. Nessuna novità ancora per quanto riguarda decreti d’attuazione dell’ Ape e dell’intervento per le pensioni dei lavoratori precoci. Mentre l’iter dell’Ape sociale e la misura per i precoci sta per concludersi e gli interventi per le pensioni anticipate si apprestano ad entrare in vigore, in tempi non ancora certi, la questione dell’Ape volontario è leggermente più complessa.

Anticipo pensionistico ed Ape volontaria.

In tema di pensioni e di Ape volontario, il Patronato Acli ha affermato: “Avremmo preferito soluzioni di flessibilità pensionistica diverse. Vere e proprie norme di anticipo del pensionamento, e non prestiti bancari o inviti a spendere anticipatamente e impropriamente il proprio capitale di previdenza complementare”.

“Comunque”, precisa il patronato, ” i tassi appaiono vantaggiosi e in situazioni di difficoltà accedere ad Ape Volontario potrebbe costituire un’alternativa ad uno stato di assenza di risorse. Una soluzione ponte per accompagnare economicamente il cittadino fino alla pensione di vecchiaia, anche se poi quest’ultima sarà gravata da una trattenuta per la restituzione del prestito ottenuto. Inoltre, con una misura parziale, abbinata ad una riduzione dell’orario di lavoro, l’Ape Volontario potrebbe costituire una forma graduale di accompagnamento del lavoratore verso il pensionamento”.

Pensioni anticipate e flessibilità in uscita. L’analisi del patronato Acli.

Il Patronato ha illustrato le varie possibilità per accedere in maniera anticipata alla pensione introdotte dalla legge di bilancio 2017 oltre all’Ape:  pensionamento anticipato per i lavoratori precoci; agevolazioni nella disciplina dei lavori usuranti; l’ampliamento delle possibilità di utilizzo del cumulo gratuito dei periodi assicurativi. Ai lavoratori precoci, con almeno 12 mesi di contribuzione da lavoro effettivo prima del diciannovesimo anno di età, è data la possibilità, qualora rientrino in determinate categorie disagiate, di accedere alla pensione anticipata con un requisito contributivo di 41 anni.

Sui lavori usuranti si è intervento con modifiche sulla disciplina in vigore, introducendo migliori condizioni di accesso al pensionamento anticipato. Novità anche sul cumulo gratuito per agevolare l’accesso al pensionamento anticipato ai lavoratori con contribuzione in più gestioni previdenziali: dal 1 gennaio 2017 il cumulo può essere chiesto anche al fine di perfezionare il requisito alla pensione anticipata, comprese le Casse di previdenza dei Liberi Professionisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook