CONDIVIDI
Pubblico impiego, raggiunto l'accordo sui contratti. Tutti i dettagli, oggi 1 dicembre 2016

Governo: si va verso l’approvazione del nuovo contratto per gli statali. Questa mattina la ministra per la semplificazione legislativa Marianna Madia ha confermato che nelle prossime ore il Consiglio dei Ministri analizzerà il testo unico sul pubblico impiego. Non dovrebbero esserci intoppi, ma sono previste ancora delle piccole modifiche prima dell’approvazione definitiva da parte del Governo. Martedì scorso si è svolto un incontro tra la ministra Madia e i vertici della confederazione autonoma Confsal, che hanno espresso parere positivo in merito al testo, seppur chiedendo di “apportare alcuni emendamenti” prima del passaggio in Cdm.

Governo: si va verso l’approvazione del nuovo contratto per gli statali.

I punti più delicati restano il salario accessorio, il piano triennale dei fabbisogni e il procedimento disciplinare. In una nota ufficiale la Confsal ha dichiarato che la Madia ha dato ampie rassicurazioni sul fatto che “per la fine di maggio verrà emanata la direttiva per il rinnovo dei contratti, attesa ormai da 8 anni dai dipendenti pubblici”. Nei giorni seguenti anche le trattative con le sigle sindacali avevano avevano dato segnali positivi. La Madia ha ribadito di avere a cuore il problema “storico” del precariato, e ha promesso che il governo punta ad eliminare qualsiasi tipo di discriminazione sul lavoro.

Sarà fondamentale combinare le richieste dei sindacati con i paletti costituzionali imposti dalla conferenza delle regioni. In merito alla stabilizzazioni dei precari, la Madia ha dichiarato che nel decreto sul lavoro pubblico “si superano alcune norme illogiche come quelle per esempio che oggi non consentono di utilizzare le risorse che stanno sui contratti temporanei per assunzioni stabili”. L’obiettivo è “superare il cattivo reclutamento che c’è stato negli anni passati che ha generato molto precariato nell’amministrazione pubblica”, arrivando così ad “una serie di assunzioni stabili laddove invece sono stati violati in passato i diritti dei lavoratori reiterando i contratti temporanei”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI