CONDIVIDI
Proroga Opzione Donna, le ultime news ad oggi 9 novembre 2017!

 Pensioni e vitalizi. Manifestazione di protesta a Palermo. Si è svolta ieri una manifestazione di protesta contro i vitalizi dei deputati dell’Ars. I deputati M5S all’Ars e diversi sindaci pentastellati, assieme ad alcuni dei candidati sindaci in corsa per le prossime amministrative e pubblici cittadini, hanno sfilato lungo le vie del centro per esternare la propria l’indignazione. Ieri, dopo 4 anni, 6 mesi e un giorno di permanenza all’Ars, i deputati hanno maturato il diritto ad un vitalizio di poco più di mille euro lorde al mese.

Pensioni e vitalizi. Il caso Ars.

In riferimento ai vitalizi dell’Ars, i deputati M5S all’Ars hanno chiarito, come riportato da palermotoday:”Non potevamo fare passare sotto silenzio questa giornata, che non a caso abbiamo definito della vergogna”. “Si tratta di un privilegio inaccettabile per i ‘comuni mortali’, un pugno nello stomaco per i cittadini, per i quali questo diritto scatta dopo oltre 42 anni di lavoro”, hanno aggiunto. Per i deputati M5S:”È sempre e comunque una cosa inaccettabile per i cittadini, che va assolutamente cancellata. Non ci lamentiamo poi dello scollamento tra società ed istituzioni. Finché esisteranno privilegi di questo tipo, la gente continuerà a guardare alla politica, giustamente, con grande distacco e diffidenza”.

“Il M5S al vitalizio travestito da speedy-pensione ha rinunciato nei giorni scorsi, con tanto di lettera ufficiale depositata agli uffici dell’Ars e ha fatto il possibile per cancellare questo percorso di favore per tutti gli altri deputati regionali, presentando una proposta di modifica del regolamento delle pensioni dell’Ars all’ufficio di presidenza di palazzo dei Normanni”, hanno chiarito i pentastellati. Il consigliere regionale M5S Giancarlo Cancelleri ha commentato:”Questo vitalizio travestito da pensione va assolutamente abolito”. Ed ha concluso:”Chiederemo costantemente notizie sulla nostra proposta di modifica e invitiamo la stampa a fare altrettanto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook