CONDIVIDI

Riforma delle pensioni e lavoro, le ultime novità. L’incontro che hanno avuto ieri singolarmente i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil  sulle pensioni ed il lavoro con il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando ed il Presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, ha avuto un esito  positivo che ha lasciato gli interlocutori fiduciosi nell’apertura di nuove prospettive. “Un incontro utile e positivo che spero ripeteremo con frequenza e che ha permesso, dopo tanto tempo, un confronto aperto sulla situazione politica, economica e sociale del Paese”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, al termine dell’incontro, che si è tenuto presso la sede nazionale della Cgil.

“A Orlando e Damiano”, prosegue la dirigente sindacale, ho espresso le preoccupazioni della Cgil sui pericoli che potrebbero derivare dalla fine anticipata della legislatura, che metterebbe in discussione la prossima legge di bilancio, non permettendo così di affrontare pensioni e ammortizzatori. Una prospettiva che ricadrebbe interamente sulla condizione dei lavoratori e delle fasce deboli della popolazione”.

“Con il ministro della Giustizia e con il presidente della commissione Lavoro della Camera abbiamo poi esaminato lo stato dell’economia e della finanza del nostro Paese, con particolare attenzione alla disoccupazione giovanile e all’aumento della precarizzazione. Non ho nascosto il disappunto e la contrarietà per la reintroduzione dei voucher e ho sottolineato la necessità di affrontare con decisione il riordino del diritto del lavoro”, ha  concluso la leader Cgil, così come abbiamo proposto nella Carta dei diritti universali del lavoro, che Damiano ha iscritto ai lavori della commissione di cui è presidente”.

Pensioni e riforme. Furlan e Barbagallo commentano l’incontro con Orlando e Damiano.

Il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, ha commentato  l’incontro avuto sulle pensioni ed il lavoro con il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando ed il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, Cesare Damiano. “E’ stato un incontro molto cordiale e positivo nel quale abbiamo discusso sui temi della crescita economica del paese, sui problemi dell’occupazione in particolare dei giovani, sul ruolo fondamentale delle politiche attive e dell’alternanza scuola lavoro, sull’esigenza di una riforma fiscale, sulla lotta alle diseguaglianze sociali, sulla previdenza dei giovani, sulla democrazia economica e sulla partecipazione dei lavoratori, sul ruolo della formazione e della bilateralità nei processi innovativi di industria 4.0”, ha dichiarato la leader della Cisl al termine dell’incontro.

“Su questi temi è importante rafforzare i momenti di dialogo e di collaborazione concreta tra le istituzioni, la politica ed il sindacato, valorizzando il ruolo della società civile ed il contributo responsabile delle parti sociali nei processi decisionali e nelle scelte riformatrici che il paese dovrà assumere nei prossimi mesi”.

Il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, al termine dell’incontro su lavoro e pensioni, ha affermato:“Abbiamo apprezzato la disponibilità di Andrea Orlando e di Cesare Damiano a confrontarsi con le parti sociali e la loro attenzione al merito delle questioni trattate”. “Per quanto ci riguarda”,  ha dichiarato Barbagallo, “abbiamo ribadito la necessità di dare continuità all’attuale legislatura sino alla sua scadenza naturale per consentire la definizione di una serie di provvedimenti fondamentali per il futuro di milioni di lavoratori, pensionati e giovani”.

“In particolare”, ha sottolineato il leader della Uil, “nelle prossime settimane, si dovranno rinnovare i contratti del pubblico impiego e, successivamente, sarà necessario sia portare a compimento la cosiddetta ‘fase due’ della previdenza, riservata in particolare al futuro pensionistico dei nostri giovani, sia risolvere la questione degli ammortizzatori sociali e quella della governance dell’Inps”. “Infine”, ha concluso Barbagallo, “nei prossimi mesi, occorrerà avviare un percorso per una riforma del sistema fiscale che razionalizzi e riduca il peso della tassazione su lavoro e pensioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA