CONDIVIDI
Amnistia, indulto, carceri e detenuti, le ultime news ad oggi 27 agosto 2017

Amnistia e carceri, le news. La presidenza del Partito Radicale esprime tutta la propria solidarietà a Rita Bernardini, che dovrà essere sottoposta a un intervento chirurgico. Lo rende noto un comunicato di Radio Radicale, nel quale si ricorda che l’ex deputata e segretaria dei Radicali italiani è stata ricoverata 13 giorni fa in una struttura ospedaliera di Roma e che il suo quadro sanitario si sta normalizzando, dopo la diagnosi di infarto del miocardio che ha reso necessario un intervento chirurgico che verrà eseguito alla fine di questa settimana.

Il malore si era manifestato dopo la sospensione dello sciopero della fame di 25 giorni portato avanti con l’obiettivo di far approvare la parte penitenziaria della riforma penale e il diritto alle cure dei malati che assumono farmaci a base di cannabis e che, come il Bediol, che non sono attualmente reperibili sul mercato. Un’azione nonviolenta che ha fatto seguito ai due precedenti scioperi della fame di 30 giorni portati avanti in occasione delle marce per l’amnistia del 6 novembre 2016 (giubileo dei carcerati) e di Pasqua 2017. Iniziative – ricorda ancora il comunicato di Radio Radicale – che hanno registrato la mobilitazione di più di 25.000 detenuti e loro familiari, associazioni di tutti gli orientamenti, professionalità del mondo penitenziario, sindaci, rappresentanti delle istituzioni, giuristi. Sul fronte amnistia e indulto, però, per ora non si registrano novità legislative.

Carceri, misure alternative, braccialetti elettronici, le ultime dichiarazioni del ministro Andrea Orlando.

Sul fronte carceri, ancora rimpallo di responsabilità tra ministero con il ministero dell’Interno che gestisce gli acquisti, e quello della Giustizia deve affrontare l’emergenza dei magistrati che vorrebbero applicare la misura alternativa ma non possono perché mancano i dispositivi elettronici, come sottolinea Repubblica. La mancata scarcerazione ai domiciliari dell’attore Domenico Diele ha fatto scoppiare il caso della mancanza di braccialetti elettronici. I magistrati vorrebbero applicare questa misura cautelare alternativa, ma non possono per carenza dei dispositivi elettronici.

Sulla vicenda è intervenuto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Ospite di “Un Giorno da Pecora”, su Rai Radio1, il Guardasigilli ha confermato l’arrivo di “12 mila braccialetti”. “Stanno arrivando – ha detto il ministro – è già stato fatto un bando. Secondo me, tuttavia, per un errore del legislatore, la competenza dell’acquisto è stata affidata al ministero dell’Interno, e non a quello della Giustizia”. “È tanto che li abbiamo chiesti – ha precisato Orlando – fino a oggi ne sono stati utilizzati 10mila, non è che non esistano”. Quel che è certo è che non bastano. “Ora – ha aggiunto il Guardasigilli – c’è questo nuovo bando che si dovrebbe concludere entro qualche settimana”.
L’attore Domenico Diele – ma nella stessa situazione anche altri detenuti meno famosi – per andare agli arresti domiciliari deve attendere che si liberi un braccialetto elettronico. Il gip del tribunale di Salerno, Fabio Zunica, ha infatti subordinato l’attenuazione della misura cautelare allo strumento di controllo che però al momento è indisponibile. Diele è in carcere da sabato scorso, dopo che nella notte ha investito e ucciso una donna di 48 anni, la salernitana Ilaria Dilillo, travolta mentre percorreva in sella al suo scooter nel territorio di Montecorvino Pugliano (Salerno) la A/2 del Mediterraneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA