CONDIVIDI
Carceri e Giustizia, news. Orlando annuncia: Predisposto il piano per la prevenzione dei suicidi nelle carceri

Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime novità sulle condizioni di salute di Rita Bernardini. Una nota dell’ufficio stampa del Partito Radicale fa sapere che Rita Bernardini, lo scorso 21 giugno, è stata ricoverata in un ospedale di Roma a causa di un malore manifestatosi dopo la sospensione dello sciopero della fame di 25 giorni. La leader del Partito Radicale ha protestato, digiunando, per promuovere l’approvazione della riforma penale, per avere un’amnistia e per il diritto alle cure dei malati che assumono farmaci a base di cannabis. Le Bernardini sta meglio, ma resta in ospedale: dopo la diagnosi di infarto del miocardio i valori si stanno normalizzando, ma l’ex deputata alla fine di questa settimana sarà sottoposta ad intervento chirurgico per calcoli alla colecisti.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 4 luglio 2017: In Galera, il ristorante del carcere più stellato d’Italia.

All’interno del carcere di Bollate c’è il ristorante del carcere più stellato d’Italia: In Galera. Questa è una bellissima risposta alla necessità di formazione e di quel reinserimento che tanto spesso manca quando un detenuto ha finito di scontare la sua pena. Sono tanti i problemi che impediscono il processo di reinserimento, e tra questi vi è il sovraffollamento, che spesso rende impossibile un trattamento individualizzato per ogni detenuto. Nel carcere di Bollate si cerca di far lavorare tutti i detenuti: chi non collabora per il ristorante, svolge altre attività. Silvia Polleri, rappresentante della cooperativa sociale “Abc la sapienza intavola”, ha parlato di questa bella iniziativa: “Ho fatto una birbonata aprendo questo ristorante, ossia ho ribaltato la situazione: di solito è il carcere a chiedere servizi al territorio, ma stavolta siamo stati noi a fare accomodare all’interno la società nella consapevolezza che il vero “fine pena mai” non lo danno i magistrati, ma la società stessa, recalcitrante nell’accogliere l’ex detenuto”. I detenuti hanno la possibilità di ricevere una busta paga e di entrare in contatto con il mondo esterno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA