CONDIVIDI
Carceri, oggi 19 ottobre 2017 a Napoli su sovraffollamento e degrado, carcere e integrazione!

Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news dal mondo del carcere. Si cerca ancora di fare chiarezza sulla morte di un detenuto a Torino: la procura ha aperto un’indagine. Il detenuto è morto lo scorso 13 febbraio. Da anni era gravemente malato, ed era stato predisposto il trasferimento in ospedale, nel reparto detenuti delle Molinette. Ma una volta giunto nel carcere di Torino il suo ricovero non è stato predisposto, così il detenuto è morto in cella. Il fratello della vittima ha depositato un esposto, ipotizzando il reato di omicidio colposo. Il detenuto conviveva da anni con problemi di salute gravissimi: nel 2012 era stato operato al cuore ed inoltre era malato di Hiv ed aveva una cirrosi epatica. Per questi motivi, il suo legale aveva chiesto i domiciliari, ma gli è stata concessa solo una riduzione di condanna di un anno e 8 mesi. Le condizioni del detenuto andavano peggiorando, tanto che l’uomo ha iniziato ad avere convulsioni e perdite di sensi.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 9 luglio 2017: la vicenda del detenuto morto nel carcere di Torino.

Nello scorso autunno il detenuto viene ricoverato in coma in ospedale, e quando le sue condizioni sono migliorate gli sono stati concessi i domiciliari. Il giorno di Natale gli era stato concesso un permesso per uscire per due ore, ma l’uomo è rientrato mezz’ora dopo. Per i carabinieri, questo ritardo costituisce evasione, e l’uomo viene riportato in carcere a Verbania. Le condizioni di salute del detenuto in carcere hanno ripreso a peggiorare, tanto da far disporre il trasferimento a Torino per essere ricoverato in ospedale, ma non ha fatto in tempo ad essere portato alle Molinette: il detenuto è morto in cella il 13 febbraio, e a marzo avrebbe finito di scontare la pena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook