CONDIVIDI
Riforma pensioni, oggi 24 luglio 2017: Ape, pensioni anticipate, fase due, lavori di cura, pensioni all’estero

Pensioni anticipate e Ape sociale, le ultime novità ad oggi 9 luglio 2017. Sono 31.260 le domande per l’Ape sociale e 19.870 quelle per accedere alla pensione anticipata per i precoci presentate all’Inps fino alle ore 16 del 7 luglio, per un totale di 51.130. Per quanto l’Ape sociale, la maggior parte delle richieste (22.449) è stata inoltrata dai lavoratori disoccupati che hanno già terminato da almeno 3 mesi gli ammortizzatori sociali. A grande distanza le altre categorie di persone che possono accedere a questa prestazione: finora si contano 3.651 domande da parte di chi assiste una persona con handicap grave, 2.751 cittadini con invalidità civile pari almeno al 74%, 2.409 lavoratori addetti a mansioni difficoltose.

Pensioni anticipate e Ape Social, è boom di domande per i precoci.

Come sottolinea il Sole 24 Ore quest’ultima categoria è invece la più numerosa tra quelli che hanno chiesto di poter andare in pensione anticipata con 41 anni di contributi in quanto hanno iniziato a lavorare prima dei 19 anni. Sono 7.225 le domande presentate da chi svolge una mansione difficoltosa. A seguire 5.739 disoccupati, 3.065 addetti a mansioni usuranti, 2.714 persone che assistono soggetti con handicap grave e 1.127 che hanno un’invalidità civile almeno pari al 74 per cento.

Ape Social, l’ultima settimana per presentare la domanda.

Intanto, manca ancora una settimana per presentare la domanda per l’Ape Social, visto che il 15 luglio scadrà il primo termine. La domanda può essere trasmessa esclusivamente in via telematica tramite i consueti canali istituzionali. Il cittadino può compilare la domanda sul sito www.inps.it, ovvero rivolgersi a un patronato. La scadenza di luglio è rivolta a coloro che, al momento della presentazione della domanda, sono in possesso dei requisiti richiesti mentre i soggetti che potrebbero trovarsi nelle condizioni di accesso al beneficio entro il 31 dicembre 2018 hanno tempo fino al 31 marzo 2018 per presentare la domanda.

Pensioni anticipate e Ape Social, le precisazioni dell’Inps.

C’è, inoltre, una speranza anche per chi invia la richiesta oltre le date indicate. “Le domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE sociale presentate in date successive al 15 luglio 2017 ed al 31 marzo 2018”, chiarisce la circolare Inps numero 100 del 16-06-2017, “potranno essere prese in considerazione dall’Istituto nell’anno di riferimento” purché pervenute entro e non oltre il 30 novembre e solo se ci saranno risorse residue rispetto alla prima tornata di richieste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook