CONDIVIDI
Amnistia, Carceri, Giustizia, le news ad oggi 13 settembre 2017: la nuova Carovana della Giustizia in Puglia!

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 26 luglio 2017: sovraffollamento nel carcere di Alba. Continuano a giungere notizie circa i problemi che affliggono le carceri italiane, primo tra tutti il sovraffollamento. Ad Alba il carcere ha una capienza tale da ospitare trenta detenuti, ma attualmente vi stanno scontando la pena oltre cinquanta persone. L’istituto di penitenza di Alba è stato riaperto solo lo scorso maggio, dopo l’epidemia di legionella che portò a decretarne la chiusura nel gennaio 2016. Gli spazi attualmente a disposizione dei detenuti sono ristretti, e la direzione del carcere sta pensando di riorganizzare le parti comuni. Il deputato albese Mariano Rabino ha dichiarato di aver provato più volte a sollecitare l’intervento del Governo, e ha richiesto un question time per la giornata di oggi alla Camera, “Ma ho saputo che non ci sarebbe il ministro Orlando a rispondere. Pertanto procederò in altro modo per ottenere notizie certe”, ha dichiarato a La Stampa. Il quotidiano riporta che, secondo i tecnici del Ministero, “il ripristino delle 4 sezioni comuni, per cui da Roma sono stati impegnati 2 milioni di euro nel programma triennale delle opere di ristrutturazione 2016- 2018, non potrà avvenire in meno di due anni”.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 26 luglio 2017: emergenza idrica nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. 

Oltre ai problemi dovuti al sovraffollamento, nelle carceri italiane si devono fare i conti anche con i problemi legati al caldo. Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere è emergenza idrica. A denunciare la questione alla Procura è stata Adriana Tocco, il Garante dei detenuti della Regione Campania. La Repubblica riporta le sue parole: “L’acqua non arriva ai piani alti e perciò viene razionata ed erogata solo poche ore al giorno e più volte i detenuti ne hanno denunciato il colore torbido. A ciascun carcerato viene fornita una bottiglia d’acqua di due litri al giorno, totalmente insufficiente”. Il sindaco Mirra ha parlato dell’emergenza idrica che affligge tutta la Campania: “La disponibilità di acqua è calata del 30 per cento in tutta la Regione rispetto ai mesi precedenti. Le sorgenti stanno andando sotto la loro capacità. Se a questo si aggiunge che in molti dei comuni, a causa delle presenza di una rete idrica obsoleta, ci sono perdite di acqua che raggiungono percentuali del 60%, siamo messi male. Dobbiamo sperare nella pioggia. Con altri sindaci stiamo valutando la possibilità di emettere ordinanze per contenere gli sprechi, come quella di vietare l’uso di acqua potabile per l’irrigazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook