CONDIVIDI
Roma, sgomberi Piazza Indipendenza: le ultime news ad oggi 24 agosto 2017

Roma, sgomberi Piazza Indipendenza: le ultime news ad oggi 24 agosto 2017. C’è stata molta tensione – secondo la questura – tra i profughi e la polizia che stamattina all’alba ha sgomberato piazza Indipendenza, dove un centinaio di migranti allontanati dal vicino palazzo di via Curtatone quattro giorni fa si era accampato. Al lancio di oggetti gli agenti hanno risposto con gli idranti. Al momento sono quattro i fermati e, tredici i feriti.

«L’intervento – si legge in una nota della questura – si è reso urgente e necessario dopo il rifiuto di ieri di accettare una sistemazione alloggiativa offerta dal Comune, ma soprattutto per le informazioni di alto rischio pervenute, inerenti il possesso da parte degli occupanti di bombole di gas e bottiglie incendiarie». È la questura a riferire che le forze dell’ordine sono state aggredite con lancio di sassi, bottiglie incendiarie, bombolette di gas e peperoncino. «L’ uso dell’idrante – conclude la nota – ha evitato che venissero accesi fuochi e liquidi infiammabili».

Roma, sgomberi Piazza Indipendenza: le ultime news ad oggi 24 agosto 2017: le dichiarazioni di Edoardo Maria Anghinelli.

Il Presidente dell’Osservatorio Nazionale per la Sicurezza dei Cittadini Italiani, Edoardo Maria Anghinelli dichiara:”Mi chiedo come sia possibile che dopo gli attentati e le vittime che abbiamo pianto in questi giorni si possa tollerare che a meno di 100 metri dalla Stazione Termini possano esserci dei raggruppamenti di centinaia di persone che si accampano e dormono tranquillamente indisturbate. Il problema di fondo non è la dinamica dello sgombero, che ovviamente ha in maniera insita la possibilità che qualcosa non vada, ma il fatto che in un momento così delicato, alla prima avvisaglia di raggruppamento degli sfollati, andava subito previsto un piano di ricollocamento abitativo. Se una cellula terroristica o una semplice scheggia impazzita avesse usato come copertura l’accampamento di piazza Indipendenza dove per giunta erano presenti bombole di gas, le stesse lanciate alle forze dell’ordine durante lo sgombero”.

“Cosa significa per il Governo, allarme terrorismo se persone indisturbate possono creare una favela lampo in pieno centro di Roma? Trenta minuti sarebbero stati già un’eternità, altro che giorni.Il Comune di Roma inoltre in questo contesto non è minimamente in grado di sostenere un clima simile, Il Sindaco non ha ancora la lista completa degli assessori, parlare di un responsabile della sicurezza urbana, quando c’è la staffetta al bilancio sembra follia, come possono i cittadini sentirsi sicuri, fino a quanto deve durare questa roulette russa?”, conclude Edoardo Maria Anghinelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA