CONDIVIDI
Giustizia e Carceri, le ultime dichiarazioni di Paolo Izzo (Radicali)

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 31 agosto 2017: un detenuto si toglie la vita a Pisa. Altri suicidi sono avvenuti all’interno delle carceri italiane. Rita Bernardini, sulla sua pagina Facebook, denuncia il caso si un detenuto che si è tolto la vita a Pisa. L’ex deputata ha scritto: “Un altro suicidio. Un’altra vita persa. Stavolta nel carcere di Pisa. Chiediamo i decreti delegati per il nuovo ordinamento penitenziario. Fate presto”. I detenuti del carcere di Pisa Don Bosco sono in protesta. Il Dubbio, inoltre, riporta il pensiero di Rita Bernardini a proposito dei tanti, troppi suicidi che stanno avvenendo nelle carceri. “La cadenza dei suicidi di questa estate da dimenticare. Mi ha riportato alla mente le parole di Giorgio Napolitano al convegno radicale del 28 luglio di sei anni fa. Quella delle carceri, disse l’allora Presidente della Repubblica, “è una realtà che ci umilia in Europa e ci allarma, per la sofferenza quotidiana – fino all’impulso a togliersi la vita – di migliaia di esseri umani chiusi nelle carceri”. A Pannella, che mettendo in pericolo la sua stessa vita chiedeva amnistia e indulto ( le uniche misure che avrebbero consentito di rientrare immeditatamente nella legalità costituzionale), veniva risposto che occorrevano riforme strutturali e durature che però non sono mai arrivate. Sono così trascorsi 6 anni di oltraggi ai diritti umani fondamentali, di trattamenti inumani e degradanti ‘fino all’impulso a togliersi la vita’ “.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 31 agosto 2017: un detenuto si toglie la vita nel carcere di Saluzzo.

Anche nel carcere di Alta Sorveglianza di Saluzzo, in provincia di Cuneo, si è tolto la vita. Il detenuto si sarebbe tolto la vita impiccandosi con il laccio dell’accappatoio, ma i familiari, che hanno potuto vedere il corpo del loro caro per soli 10 minuti, non hanno riscontrato segni sul collo. Anche i medici dell’ospedale presso cui è stato ricoverato il detenuto, in lotta tra la vita e la morte dopo essersi impiccato, hanno espresso dei dubbi, e così il magistrato ha disposto il sequestro del corpo per effettuare l’autopsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook