CONDIVIDI
Riforma pensioni, l'intervista e le news di Orietta Armiliato del CODS sulla controproposta dei sindacati!

Riforma pensioni, pensioni anticipate, Ape donna, lavori di cura, le ultime news. Alla vigilia del nuovo incontro di oggi su pensioni e previdenza, che si svolgerà tra governo e sindacati, il punto viene fatto da Orietta Armiliato del Comitato Opzione Donna Social, in un’intervista che ci ha gentilmente concesso. Abbiamo parlato con la Armiliato della valorizzazione del lavoro di cura, delle nuove misure al vaglio del governo sul fronte del pensionamento anticipato per le donne e della misura dell’Ape donna.

Pensioni anticipate donne e Ape donna: il punto di Orietta Armiliato del CODS.

La fase due di riforma delle pensioni sta per entrare nel vivo. Tante sono le aspettative delle donne. Il vostro comitato cosa si augura di in fatto di pensionamento anticipato per le donne?

Senza dubbio la prima cosa che ci auguriamo è che se si varerà una misura ad hoc per le donne come è stato annunciato e più volte confermato, sia una misura accessibile a TUTTE le donne, magari con qualche distinguo per chi si trova in condizioni di maggior disagio.

L’onorevole Damiano, in questi giorni, ha dichiarato che “riconoscere alle donne il valore dei lavori di cura in termini di contributi previdenziali, è un intervento sociale e un parziale risarcimento dopo il brusco innalzamento da 60 a 65 anni dell’età pensionabile”. Lei cosa ne pensa?

Sono convinta di un fatto: che si dovrebbe intervenire anche sull’età, pensare ad un anticipo di un paio d’anni rispetto a quanto richiesto oggi per Ape Social e Ape Volontaria sarebbe auspicabile anche se uno sconto contributivo per accedere alla misura non è certo da buttar via considerato il fatto che le donne hanno carriere discontinue proprio a causa del peso che hanno i lavori di cura nell’economia familiare e quindi la difficoltà di raggiungimento di una quota contributiva sostenibile.

Anche, il segretario confederale della Uil, Domenico Proietti ha parlato della necessità di pervenire all’eliminazione della disparità di genere, anche attraverso il riconoscimento dei lavori di cura e bonus di contribuzione figurativa. In sostanza quello che il vostro comitato sostiene da tempo…

Devo dire che da subito UIL si è schierata a fianco delle donne dimostrando un’attenzione di rilievo alla valorizzazione dei lavori di cura e dunque a quello che è l’obiettivo del ComitatoOpzioneDonnaSocial, ma anche le altre sigle si sono subito unite tant’è che c’è uno specifico articolo inserito nel verbale di intesa siglato dalle parti sociali e dal Governo.

Molto si è parlato dell’Ape donna. In cosa differisce e perché rappresenta una misura utile e per certi versi anche migliorativa per le donne rispetto all’opzione donna?

Migliorativa poiché, nonostante ci siano da sostenere costi per interessi e per la copertura assicurativa (tutela in caso di premorienza), il calcolo sarebbe effettuato con il sistema misto anziché con il contributivo puro come era per OD e che pesa sull’ammontare erogato mensilmente per oltre il 30% medio, per altro per sempre.

In conclusione, ieri anche Marco Leonardi si è espresso a favore di uno sconto contributivo per le donne, che vogliano accedere all’Ape, visto che queste ultime non hanno facilità di accesso all’Ape social perché in molti casi non riescono a maturare i 30 anni di contributi necessari. Possiamo, quindi, dire che qualcosa quindi si sta smuovendo in termini più concreti a favore delle donne?

Assolutamente sì! L’analisi voluta fortemente e condotta dalla Commissione Lavoro alla Camera capitanata dalla capogruppo PD MariaLuisa Gnecchi, ha evidenziato e documentato la situazione nella quale noi donne ci troviamo rispetto al lavoro e alla famiglia insomma il ruolo sociale che ci vede impegnate costantemente ed in prima persona su più fronti e, finalmente, si stanno cominciando a delineare spazi per venirci in aiuto e dirimere una questione che per troppo tempo non è stata oggetto della dovuta attenzione e conseguente risoluzione.

Ringraziamo Orietta Armiliato del Comitato Opzione Donna Social per la cortese disponibilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA