CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news al 4 settembre 2017: la situazione nel carcere di Fuorni a Salerno. 

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news ad oggi, 10 settembre 2017: il rapporto del Comitato per la prevenzione sella tortura del Consiglio d’Europa. L’Europa bacchetta nuovsmente l’italia sulla questione del sovraffollamento nelle carceri. Il Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio d’Europa nel suo rapporto riconosce che l’Italia, dopo la condanna della Corte di Strasburgo, si è sforzata per migliorare le condizioni delle carceri, ma ciononostante la popolazione all’interno degli istituti di penitenza è aumentata a dismisura, basti pensare che all’inizio del 2016 era 52.164, mentre ad agosto del 2017 sono state superate le 57 mila unità. L’italia deve rispettare lo spazio vitale che spetta ad ogni detenuto: i carcerati che si trovano in celle singole devono avere 6 metri per 2, esclusi i sanitari, mentre i detenuti che dividono la loro cella con altri devono avere 4 metri per 2 a testa.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, luci e ombre delle carceri italiane.

Nel rapporto del comitato i richiami all’Italia non finiscono qui. Si affronta il problema dei maltrattamenti, e si parla sia di maltrattamenti fisici inflitti a persone private della libertà dalle forze dell’ordine o detenute in carcere, sia di difficoltà per l’accesso immediato all’assistenza di un avvocato. Il comitato ha invitato le autorità italiane a fare “una comunicazione formale alle forze dell’ordine, ricordando loro che i diritti delle persone in loro custodia devono essere rispettati e che il maltrattamento di tali persone sarà perseguito e sanzionato di conseguenza”. Nella relazione vengono infine sottolineati alcuni punti positivi, tra cui il regime della sorveglianza dinamica e la nomina del Garante Nazionale delle persone private della Libertà personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI