CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news al 20 settembre 2017

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 20 settembre 2017: un caso di incendio provocato da un detenuto a Porto Azzurro. Un detenuto nel carcere di Porto Azzurro ha dato fuoco alla sua cella. Sabato scorso aveva ingoiato delle pile, e per questo era stato portato in ospedale a Livorno. Il detenuto aveva fatto ben presto ritorno nel carcere di Porto Azzurro, ed ha dato fuoco alla sua cella nell’infermeria. Un agente di polizia penitenziaria è prontamente intervenuto ed ha spento l’incendio, salvando così la vita al detenuto. A commentare l’accaduto è il segretario generale del sindacato autonomo di polizia penitenziaria (Sappe) Donato Capece: “Ancora una volta a farne le spese è stato un appartenente al corpo di polizia penitenziaria rimasto intossicato dai fumi sprigionatisi dalla combustione di diversi materiali presenti nella stanza, ad un livello tale da rendere necessario il suo trasporto in ospedale. Ribadiamo, ancora una volta, che il carcere di Porto Azzurro, istituto improntato prettamente al trattamento, è affollato di detenuti prevalentemente extracomunitari, con problematiche psichiche e tossicologiche, e che l’apertura incondizionata delle celle sin dal primo mattino fino alla sera, oltre a lasciare i detenuti in pieno e totale ozio, mette a repentaglio la già precaria situazione della sicurezza”. Si apre, dunque, nuovamente il tanto discusso problema della sicurezza al’interno delle carceri italiane.

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 20 settembre 2017: la bella iniziativa nel carcere di Sondrio.

Il Carcere di Sondrio è stato teatro di una bellissima iniziativa realizzata grazie alla cooperativa sociale Ippogrifo. I detenuti presenti nella struttura hanno imparato a produrre della pasta. L’obiettivo del progetto è di fornire ai detenuti una serie di competenze valide ed efficaci per inserirsi nel mondo del lavoro una volta scontata la pena. Elisa D’Anza, che cura la direzione e lo sviluppo del progetto, ha spiegato che il “Pastificio 1908 produce pasta artigianale di qualità rigorosamente senza glutine”. L’iniziativa ha riscosso un grande successo, e la pasta prodotta dai detenuti è acquistata da tantissimi ristoranti e botteghe. “Puntiamo ad aumentare la produzione fino a 100 chilogrammi al giorno, facendo leva sul successo che il prodotto sta riscuotendo in ristoranti e botteghe della provincia”, ha spiegato D’Anza. Qui puoi trovare le ultime news e novità su amnistia, indulto e carceri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook