CONDIVIDI
San Matteo 2017: la festa in onore del Santo Patrono salernitano

San Matteo 2017: il programma della festa. Salerno si appresta a vivere un periodo intenso con i festeggiamenti e le iniziative dedicate a San Matteo Apostolo ed Evangelista – Patrono di Salerno e dell’Arcidiocesi. Come ogni anno il programma è ricco di appuntamenti ai quali tutti i fedeli sono chiamati a partecipare con fede e devozione. Il 21 settembre, giorno della festa,  sono previste messe dalle ore 6.30 fino alle 9.30 ogni ora. Alle 10.30 la solenne pontificale con l’arcivescovo Moretti. A seguire, dalle 18.30, al via la solenne processione. Alle ore 22, diversi momenti di musica, in piazza Amendola, in piazza Cavour e in piazza Alfano I, e poi, per concludere, lo spettacolo pirotecnico. Cresce l’attesa tra i salernitani.

San Matteo 2017: la festa tanto attesa dai salernitani.

Il 21 settembre, giorno più importante e più atteso dai salernitani, si svolge la festa vera e propria in onore di S. Matteo, con una processione che attraversa il centro storico, percorre Corso Vittorio Emanuele, scende per Via Velia, per poi sfilare lungo Via Roma fino alla chiesa dell’Annunziata, e rientrare infine, su Via Mercanti, fino al Duomo. Aprono la processione le tre statue d’argento dei Santi Martiri Salernitani, Anthes, Gaio e Fortunato, simpaticamente definiti dal popolo come le “tre sorelle” di S. Matteo. Le spoglie dei Santi Martiri sono custodite nell’abside centrale della Cripta del Duomo. In occasione delle celebrazioni si ingaggiano concerti bandistici di fama nazionale e internazionale che si esibiscono in genere a Piazza Amendola. Per antica usanza, la festa ha termine dopo lo splendido spettacolo di fuochi pirotecnici di mezzanotte, sparati da un pontone a mare di fronte il lungomare. Il classico colpo finale pone ufficialmente fine ai festeggiamenti in onore del Santo Patrono. Il cibo più tipico della festa del Santo Patrono, è la milza imbottita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook