CONDIVIDI
Riforma pensioni, oggi 21 ottobre 2017: novità su Ape sociale, precoci, pensioni anticipate, età pensionabile

Riforma pensioni 2017, le ultime novità. Sul fronte pensioni e previdenza, il consueto punto del venerdì viene fatto da Orietta Armiliato del CODS: «Carissime, siamo alle “soglie del DEF” che ci fornirà la provvista economica relativa alla voce previdenza per l’esercizio 2018. I dati dovevano essere resi noti già nella giornata di oggi ma sembra invece che li avremo nella giornata di domani, pare che i “chiari di luna” non siano particolarmente favorevoli ma presto, potremo saperlo con precisione. La settimana è stata caratterizzata da spiacevoli situazioni: attacchi continui alla mia persona ed al CODS in generale, sferrati da un gruppo di persone che definire meschine è gentilezza che, strumentalizzando ogni parola, concetto, intenzione, vuole attraverso il nostro Comitato attaccare il Governo attuale, le sue proposte e le istituzioni ad esso connesse.

Questo perché noi del CODS non abbiamo mai permesso a nessun membro di offendere o denigrare nessun esponente della politica e/o delle istituzioni ed anzi abbiamo sempre cercato di collaborare con tutti con estrema serenità ed i detrattori appartenenti a qualsiasi schieramento, non hanno mai trovato spazio nelle nostre fila. Questo , è stato letto come se noi fossimo burattini pilotati da questo o quell’altro partito politico e, tutto ciò, è stato pesantemente strumentalizzato. In realtà le uniche posizioni politiche che noi vogliamo rappresentare sono LA SERIETÀ, il RISPETTO, L’EDUCAZIONE ED IL SENSO CIVICO».

Riforma pensioni e misure a tutela delle donne, valorizzazione dei lavori di cura.

Sottolinea la Armiliato: «Questo andava detto dopodiché, oltre che a questa brutta roba, la settimana ha visto in primo piano le OO.SS che, unitariamente, hanno prodotto un documento da contrapporre al Governo composto da undici punti due dei quali ci riguardano più strettamente essendo connessi a quelli che sono gli obiettivi per i quali questo Comitato si è formato. Questi, in sintesi, i punti sui quali si dovrà andare a discutere nei prossimi incontri prima del 20 Ottobre, data dell’avvio dell’iter della Legge di Bilancio: la maternità, l’assistenza ai familiari disabili, la valorizzazione del lavoro di cura. Con le seguenti metodologie: maternità = attestabile inequivocabilmente; assistenza ai familiari disabili=attestabile tramite fruizione della legge 104; Valorizzazione lavori di cura=attestabile dai dati statistici ISTAT
Tutto ciò fruibile ed applicabile a TUTTE LE LAVORATRICI come, a chiare lettere, ci è stato confermato dai Segretari delle diverse sigle sindacali che, contattati direttamente, non hanno esitato a venirci in aiuto per acclarare i punti che potevano indurci in errore o equivoco».

Opzione donna e cumulo gratuito, le ultime news di Orietta Armiliato del CODS.

«Altra questione – riafferma la Armiliato – sul tavolo e altro obiettivo del CODS è il CUMULO GRATUITO funzionale ad accedere all’Opzione Donna, su questo punto abbiamo saputo che, pur non essendoci novità di rilievo, il tema è sempre alla ribalta e che il confronto riprenderà quando il Governo scioglierà il nodo delle risorse fermo restando che, il gruppo PD della Commissione Lavoro alla Camera, procederà con la presentazione di emendamenti in fase di LdB.

Stanti le ultime interrogazioni ed il movimento di carte che c’è sul tema del Cumulo per quanto già facente parte delle norme sancite nella scorsa LdB, abbiamo ragione di credere che, oltre allo stanziamento, sia necessario che sia reso operativo il provvedimento esistente, prima di provvedere ad una sua estensione rivolta a chi oggi è rimasto ingiustamente escluso. Continuiamo più che mai a seguire puntualmente le evoluzioni, sostenendo come sempre il lavoro dei tecnici e dei vari rappresentanti delle istituzioni deputati. Un sorriso e occhio ai trolls ed ai fakes, loschi figuri dannosi in ogni senso”, in conclusione la Armiliato. Qui puoi trovare le ultime news e novità su riforma pensioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook