CONDIVIDI
Riforma pensioni oggi 28 settembre 2017: Fase 2, aumento dell'età pensionabile, misure per i giovani

Riforma pensioni, l’aumento dell’età pensionabile: le dichiarazioni di Paolo Capone. Sembra ancora lontano l’accordo tra Governo e sindacati sulla fase due della riforma pensioni, in quanto sembra difficile il reperimento di risorse ritenuti necessari per cercare di coprire i costi della riforma del sistema previdenziale. I sindacati continuano a battersi soprattutto sul blocco dell’aumento dell’età pensionabile. Il segretario dell’Unione generale del lavoro (Ugl) Paolo Capone ha dichiarato che “In un Paese civile non è minimamente accettabile spremere ulteriormente i lavoratori continuando ad alzare l’età pensionistica, siamo già i più alti d’Europa ed è un ennesimo primato negativo. Una realtà che ci dovrebbe far riflettere sulle tutele che questo Governo riserva ai nostri lavoratori”. Capone ribadisce la necessità di interventi a favore dei giovani e delle donne. Un ulteriore aumento dell’età pensionistica provoca un ancora minore ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, ed inoltre strettamente necessari sono anche interventi a favore delle donne, mentre “In questi ultimi anni il Governo ha continuamente fatto cassa sui lavoratori, prosciugando diritti e denaro dei pensionati e dei futuri pensionati”.

Riforma pensioni, l’aumento dell’età pensionabile: le dichiarazioni di Carmelo Barbagallo ed il documento dell’Inail sull’aumento dell’età pensionabile.

Anche il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, non demorde, e afferma che la questione dell’età pensionabile è “Una questione ancora aperta: fino all’ultimo cercheremo un accordo”. Barbagallo ha inoltre spiegato che “Congelare l’automatismo, una sorta di ‘scala mobile’ dell’età non consterebbe nulla per il 2018”. Dell’aumento dell’età pensionabile e del conseguente minore ingresso dei giovani nel mercato del lavoro ne parla anche un documento dell’Inail. Alcuni interessanti stralci del documento sono stati riportati da Adnkronos: “Nella ripresa economica che il 2017 seppure ancora timidamente ci presenta, il trend decrescente di infortuni, malattie professionali e morti, si è interrotto. La qualità della ripresa sembra portare con sé elementi non sempre di qualità nell’organizzazione del lavoro e forse i cambiamenti del mercato del lavoro e l’allungamento dell’età anagrafica delle persone in attività possono essere tra le cause di questo rallentamento”.

Riforma pensioni, anche la Cgil preme per un nuovo incontro con il Governo.

Anche la Cgil sprona il Governo affinché convochi un nuovo tavolo di confronto con i sindacati. Il Governo vorrebbe aumentare l’età pensionabile per adeguarla all’aspettativa di vita, ma i sindacati sono pronti alla mobilitazione. LaPresse riporta che Susanna Camusso ha dichiarato: “Il ministro Poletti si è impegnato a convocarci per fare il punto sulle pensioni. Speriamo che avvenga rapidamente”. La Camusso di è detta pronta a scendere in piazza, ma, dati i tempi ristretti, sembra difficile poter organizzare una grande manifestazione: più facile da realizzare ma ugualmente efficiente sembra l’idea di organizzare manifestazioni in più città italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook