CONDIVIDI
Riforma pensioni, oggi 8 ottobre 2017: pensioni donne, opzione donna, cumulo e le news di Orietta Armiliato

Riforma pensioni, il punto di Orietta Armiliato del CODS. Arriva puntuale come ogni settimana il consueto punto del venerdì di Orietta Armiliato del Cods, che stavolta decide di dedicare questo spazio alla denuncia di alcuni comportamenti verificatisi sulla pagina del gruppo negli ultimi giorni. “Carissime, Il punto per questa settimana lo faranno per me alcuni Highlight perché, devo comunicarvi che sono pesantemente scocciata dai comportamenti meschini che si continuano a perpetrare al mio indirizzo e che ieri hanno davvero raggiunto un livello a mio parere inqualificabile, ponendomi nella frustrante posizione di dover cancellare commenti a nastro ed elidere profili di iscritte”.

È oramai diventato insopportabile per tutti sia per chi governa sia per chi partecipa, che fakes, trolls ma anche membri “normali” si permettano costantemente di infangare, denigrare il mio buon nome e l’operato del CODS ma non solo, che si permettano di offendere e criticare le scelte di vita delle altre donne iscritte al gruppo con cattiveria ed accanimento entrando con arroganza nelle dinamiche private dove nessuno, se non richiesto, dovrebbe permettersi di entrare. Non essendo un personaggio pubblico che ha al suo attivo una lista di rischi ed opportunità conosciuti poiché intrinsechi quando si calcano determinati palcoscenici, non vedo per quale motivo debba costantemente sopportare e farmi carico di queste lapidazioni. Sono una donna libera e scevra da vincoli di ogni natura e fattispecie politica e/o economica, non rappresento e non sono al soldo di nessuno, (IO al contrario di altre…), sono in pensione e ci sono andata con la modalità che ritenevo adatta a me, ma conquistandomela e lottando con garbo, legge alla mano e tanto impegno e determinazione senza infangare, dileggiare o insultare MAI nessuno; sono ammalata oncologica operata due volte lo scorso anno e sono una miracolata della scienza (tumore polmone dx penultimo stadio ed ora completamente asportato) e quindi ancora oggi e chissà per quanto ancora, sottoposta a stringenti protocolli oncologici”.

Orietta Armiliato continua la battaglia del Cods a favore delle donne!

“Dopodiché, metto in piazza tutto questo solo perché si smetta di dipingermi comodamente seduta in una gabbia dorata dove conduco una vita senza problemi, agiata e protetta da questo o da quell’altro partito, e mi si porti il dovuto rispetto, cosa che si dovrebbe portare a chiunque ed a prescindere ma, magari riservandomi un goccio di attenzione in più semplicemente perché ME LA MERITO e non certo perché io voglia essere compatita. Proprio per la fortuna che ho avuto di poter ancora vedere il sole nascere, cosa sulla quale in pochissimi hanno voluto scommettere, ho deciso di continuare ad aiutare le donne nella loro battaglia verso una maggior considerazione e riconoscimento per tutto quello che fanno e rappresentano in seno a questa nostra società sostituendosi al carente o il sovente assente welfare senza che nessuno ne valorizzi l’impegno: l’ho fatto e lo sto facendo con grande impegno e massima serietà ma, non ho più intenzione di continuare a parare colpi quanto meno “a casa mia”, dunque senza che mi si continui a tacciare di essere antidemocratica o non aperta al confronto (eh sì perché si confonde anche questo…si offende, si sputa in faccia e poi si asserisce che si cercava il confronto…) non risponderò più a nessuna provocazione e/o provocatrice con l’intento di ragionare sulle cose come ho fatto fino ad ora, ma provvederò a cancellare immediatamente e di primo acchito chiunque venga a disturbare il nostro lavoro con argomenti e considerazioni non strettamente attinenti allo scopo che ci siamo prefissate, nella consapevolezza che chi si iscrive debba condividere gli obiettivi partecipando e sostenendo, pur con le dovute critiche e rilievi se necessari e/o costruttivi.

E tutto questo perché ? Perché sono una dei pochissimi, se non la sola, che porta alla ribalta sempre notizie certe e certificate, che non illude nessuno ma che piuttosto esorta all’oggettività, che spinge al ragionamento, che non è mai contro a prescindere ma che non si beve tutto a prescindere, che non è opportunisticamente ondivaga e che rispetta le scelte di tutti e, oltre a questo, tutto è stato incrementato a seguito di calunnie sparse in rete sul mio conto da meschini individui che hanno cavalcato l’onda di una sottocultura che, ahinoi è dilagante se non imperante, quando ho deciso che NON avrei seguito il loro andare a sbattere contro un muro, impegnandomi a sostenere una misura che non avrebbe mai più potuto vedere la luce, per logica, per calcolo e per senso, ovvero la Proroga dell’istituto Opzione Donna.

In poche parole sono solo una persona semplice, seria e generosa, valori evidentemente sepolti sotto le cattiverie, l’invidia, l’opportunismo ma anche sotto un certo tipo di esasperazione che é stata pesantemente fomentata da alcuni elementi che si sono introdotti nelle istituzioni sprezzanti di tutto, incominciando con parolacce a porre lo start di una deriva culturale che incita l’URLO, L’INTOLLERANZA, E CERCA LA MALAFEDE OVUNQUE ED IN CHIUNQUE. È questo un ragionamento politico?

Cumulo, Opzione donna, le ultime news di Baruffi e Damiano.

Sí, forse sí, ma in ogni caso avreste incominciato a lapidarmi ugualmente se avessi detto cosa penso di quello che ha detto l’On. Baruffi a proposito del cumulo contributivo per poter esercitare Opziona Donna,(ovvero avrei detto che non arrivare ad ottenerlo sarebbe davvero un ulteriore discrimine a danno delle donne, una misura ingiusta, non equa e quindi inaccettabile) o per aver sottolineato quanto dichiarato dal Presidente Damiano ieri ospite de LA7, (ovvero avrei detto che ha chiarito ancora una volta che non ci sarà una Proroga ma forse, può darsi, chissà, eventualmente, ma non è detto, solo una mini estensione della misura qualora si rendessero disponibili risparmi e se si vorranno impegnare per quello dato che NON corre alcun obbligo, come si evince dal dettato della legge vigente.)

Riforma pensioni, l’opera e la controproposta dei sindacati.

Sottolineo, altresì, l’impegno delle OO.SS. circa la controproposta trasmessa al Governo ed articolata in 11 punti, dove troviamo confermato l’impegno circa quello che è il nostro obiettivo, ovvero “superamento della disparità di genere delle donne e la valorizzazione del lavoro di cura“e che abbiamo il dovere di sostenere proprio perché siamo Donne e dunque TUTTE coinvolte, partecipando alle manifestazioni territoriali programmate unitariamente da CGIL CISL UIL per il prossimo 14 Ottobre.
Traguardare questo importantissimo punto sarebbe davvero un primo reale significativo passo verso la valorizzazione del nostro costante e continuo impegno quali pilastro, anzi muro maestro, di questo nostro complesso Paese. Un sorriso …sempre e nonostante tutto, avanti e sempre W le donne che quelle splendide sono davvero tante e il CODS le annovera fra le sue iscritte. Orietta (Una Donna libera che non dipende da nessuno)”, la Armiliato a chiusura del lungo post. Qui puoi trovare le ultime news e novità su riforma pensioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook