CONDIVIDI
Riforma pensioni, oggi 3 agosto 2017: vitalizi, riscatto laurea, età pensionabile, previdenza complementare

Riforma delle pensioni: età pensionabile e sicurezza sul lavoro. Si dibatte da tempo, in tema di pensioni, dell’aumento dell’età pensionabile e del suo legame con l’aspettativa di vita. I sindacati hanno sottolineato più volte che l’aspettativa di vita dipende dal lavoro che viene svolto. Secondo uno studio dell’Ordine degli attuari sui tassi di mortalità dei percettori di rendita da pensione in Italia, la speranza di vita a 65 anni negli ultimi dieci anni osservati, pur essendo aumentata per tutte le collettività considerate, presenti delle differenze “fra gli occupati nel settore privato, con redditi da pensione più bassi, che hanno una maggiore tasso di mortalità, e i liberi professionisti e dipendenti pubblici, con redditi da pensioni più alti, che hanno un tasso minore di mortalità”.

La relazione tra l’età in cui si va in pensione e la sicurezza sul lavoro è l’oggetto di un’analisi di Franco Rampi, presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’Inail. “Basterebbe scorrere la lunga serie storica delle ricerche che il Ministero della Salute ha affidato all’Università di Torino sulla materia, per constatare come il tipo di attività svolto e, quindi, i rischi a cui è esposto il lavoratore portano a livelli di infortuni più elevato, quando il lavoro è svolto da poco tempo (neoassunti)”, ha affermato in un articolo su Lavoro &Welfare.

Pensioni ed aspettativa di vita. L’analisi di Rampi.

Per Rampi:” L’insistenza nel non voler affrontare il tema dell’automatismo generalizzato di variazione della crescita dell’età pensionabile sembra rispondere unicamente a vincoli di compatibilità economica e di sistema”.

Nella sua analisi in tema di pensioni, Rampi ha osservato che   il legislatore potrebbe utilizzate i dati Inail  per “mappare soglie massime anagrafiche, oltre le quali l’impiego nel lavoro non è più ammissibile”. “Ora che l’aspettativa di vita ha avuto – grazie a politiche sanitarie, abitative e di benessere nel lavoro – un periodo di allungamento, non si può prescindere da parametri meramente macroeconomici per valutare la corretta utilizzabilità della persona nell’organizzazione del lavoro al fine di determinare dinamiche di incremento della età pensionabile“, ha sottolineato. Qui puoi trovare le ultime news e novità su riforma pensioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook