CONDIVIDI
Belen Rodriguez dopo la gaffe a

Belen Rodriguez spiega l’equivoco sui suoi profili social! Durante l’ultima puntata di ‘Chi ha incastrato Peter Pan‘, Belen Rodriguez ha fatto una gaffe. ‘Lavoro in Italia perché in Argentina ci sono già troppe belle donne’, ha detto rispondendo alla domanda di un bambino che le chiedeva come mai fosse famosa solo nel nostro paese. Le sue parole hanno creato polemica, tanto da costringere la showgirl a chiarire. Sul suo profilo Instagram e su quello Facebook Belen ha scritto: “Tranquilli sono abituata, se nevica è colpa mia, se c’è un terremoto pure, se cade un albero sulla strada e perché ho parcheggiato male la macchina, se ce lo tsunami é perché guidavo una barca in costume è questo ha scatenato le onde…….. fa niente mi faccio una bella risata, ma leggere dei titoli dove io denigro le donne italiane anche no! Mia nonna era italiana, quindi ci mancherebbe! Nessuno ha parlato dell’Italia.”

Belen Rodriguez si chiarisce con i fans dopo la gaffe a Chi ha incastrato Peter Pan!

Poi ha aggiunto: “Mi è stato chiesto da un bambino perché sono andata via dalla Argentina, e siccome mi risultava noioso e complicato raccontare a un piccolino della crisi economica, del fatto che spesso le proprie terre del cuore ci deludono perché non ci danno la possibilità di crescere, ho smorzato i toni della risposta dicendo che c’erano troppe belle donne e non mi calcolavano…….”. “Anche se è stata una battuta, non nego che nel Sudamerica ci sia una grande concentrazione di ragazze belle (manco fosse un peccato), come dall’altro canto ci sono in italia, ma una affermazione non cancella l’altra. Quindi persone e giornalisti che invece di apprezzare un tenero momento si mettono a scrivere stronz.te e false illazioni sulla mia persona, dovrebbero dare l’esempio e far capire che per scrivere qualcosa che abbia risonanza non per forza deve essere deletéreo e poco costruttivo. Un bacio Belén, e adesso continuate pure, ho detto la mia”, ha quindi concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook