CONDIVIDI
Amnistia, indulto, carceri, detenuti, reinserimento, lavoro: le ultime news ad oggi 17 dicembre 2017

Amnistia, giustizia, carceri, le novità. Rita Bernardini e Deborah Cianfanelli hanno sospeso lo sciopero della fame durato 30 giorni e portato avanti per chiedere al governo l’emanazione dei decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. Le due esponenti del partito radicale hanno incontrato per circa 1 ora il ministro Orlando, che ha manifestato loro la sua riconoscenza per l’importante attività di supporto attraverso dell’iniziativa nonviolenta intrapresa per sollecitare l’azione del governo in materia di carceri.

I primi commenti di Rita Bernardini e Deborah Cianfanelli dopo l’incontro con il ministro Orlando.

Al termine dell’incontro con il ministro di Giustizia, come riporta Agenziaradicale.com, la Bernardini e la Cianfanelli si sono dette comunque soddisfatte, dopo le rassicurazioni che entro la metà di dicembre il tutto arriverà sul tavolo di Palazzo Chigi. “Quindi, le cose stanno marciando bene – ha sottolineato Bernardini – e i contenuti tutto sommato sono positivi”. In particolare, “per quanto riguarda la sanità penitenziaria e l’affettività in carcere”. Purtroppo non è previsto quanto richiesto da i radicali in merito “all’aumento dei giorni di liberazione anticipate”. In compenso, verrà stabilità “una forma di aumento dei giorni legata alla partecipazione al lavoro e ai lavori di pubblica utilità. Questi saranno al massimo 30 giorni in un anno e riguarderanno quei i detenuti che aderiscono al piano trattamentale”.

Rita Bernardini sottolinea l’importanza del lavoro all’interno delle carceri.

“È previsto senz’altro l’aumento del lavoro, grazie anche al rifinanziamento della legge Smuraglia che dà la possibilità alle imprese di intervenire”. A tal proposito, la Bernardini ha sottolineato l’importanza che vengano proposti ai detenuti dei lavori qualificati da fare in carcere”. Restano da vedere le misure alternative. Si sa che è “prevista una maggiore diffusione che inciderà sul sovraffollamento penitenziario, con misure di semplificazione per quanto riguarda l’intervento dei magistrati di sorveglianza”.

Nonostante il quadro complessivo sia soddisfacente, la Bernardini e la Cianfanelli invitano a non abbassare la guardia, appellandosi anche agli 11mila detenuti che le hanno sostenute in questi giorni di Satyagraha:”Ancora un po’, poi la strada dovrebbe essere in discesa. Per ora si è preso atto che questo venerdì la riunione del Consiglio dei ministri è saltata, perché il Premier Gentiloni è all’estero. Si attende di verificare cosa accadrà venerdì prossimo e se la questione verrà messa all’ordine del giorno. Inizia per questo la nuova fase della battaglia nonviolenta”, hanno concluso le due esponenti del Partito Radicale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook