CONDIVIDI
Esame Avvocato 2017, oggi l'Atto giudiziario: le tracce assegnate per la terza prova!

Esame di Avvocato 2017, le ultime news. Al via oggi mercoledì 13 dicembre 2017 la seconda giornata dell’Esame di Avvocato 2017, con la seconda prova, ossia la redazione del parere di diritto penale. Oggi, dopo la prova di ieri dedicata alla redazione del parere di Diritto Civile, i candidati aspiranti avvocati saranno chiamati a scegliere tra una delle due tracce proposte. Il tempo a disposizione per svolgere la prova sarà di 7 ore. Domani giovedì 14 dicembre 2017, sarà la volta della terza prova di carattere più pratico, ossia la redazione di un vero e proprio atto difensivo, un atto giudiziario, con cui i candidati dovranno formulare una vera e propria strategia difensiva per il proprio cliente, supportata da valide argomentazioni di fatto e di diritto. La riforma dell’esame di avvocato relativa allo svolgimento delle prove scritte è stata rinviata, quindi i candidati potranno utilizzare i codici commentati per svolgere sia i pareri che gli atti difensivi anche per questa sessione d’esame.

Le tracce del parere di diritto penale dell’esame di Avvocato 2017, di oggi 13 dicembre 2017.

Le tracce assegnate ieri nella prima prova di diritto civile hanno avuto ad oggetto il c.d. contratto atipico di mantenimento (o di vitalizio alimentare o assistenziale) e la sua validità, ed il risarcimento del soggetto nato dopo la morte del padre naturale, causata dal fatto illecito di un terzo durante la gestazione. Tra poco pubblicheremo le due tracce di diritto penale dell’Esame di Avvocato 2017 assegnate oggi, mercoledì 13 dicembre 2017.

La prima traccia del Parere di Diritto Penale, di oggi 13 dicembre 2017.

Secondo quanto riportato dal sito Termometro politico, questa doverebbe essere la prima traccia in materia di diritto penale:”In data 9 febbraio 2016 il Giudice Tutelare di Alfa nomina Caia amministratrice di sostegno di Tizio, affetto da demenza senile tipo Alzheimer, con il compito di gestire il testamento pensionistico di Tizio e di impugnare, a nome di quest’ultimo un contratto da questi stipulato nel 2015 sotto la spinta di artifici e raggiri perpetuati da terzi. In data 7 maggio 2017, a seguito delle segnalazioni provenienti da alcuni vicini, i vigili del fuoco accedono d’urgenza nell’appartamento di Tizio rinvenendolo in pessime condizioni igieniche, senza cibo e bevande e con rifiuti all’interno dell’abitazione. Tizio viene dunque ricoverato in ospedale e, a seguito della corruzione pervenuta, il giudice tutelare revoca la nomina di Caia quale amministratrice di sostegno e trasmette gli atti alla locale Procura della Repubblica ipotizzando la ricorrenza del reato di cui all’art. 591 c.p. Caia, preoccupata, si rivolge ad un legale per un consulto. Il candidato assunte le vesti del legale di Caia, premessi i brevi cenni sul reato di abbandono di persone incapaci, rediga motivato parere esaminando la questione sottesa al caso in esame.

La seconda traccia del Parere di Diritto Penale di oggi 13 dicembre 2017.

Questa invece dovrebbe essere la seconda traccia: “Tizio, dopo aver lungamente osservato le abitudini del pensionato Mevio, di anni 75, un giorno lo avvicina mentre questi sta rientrando a casa. Spacciandosi per un amico di vecchia data del di lui figli, Caio e Carpitane, in tale modo la fiducia lo convince a consentirgli di entrare nell’appartamento. Dichiarando di vantare un credito di euro 500,00 nei confronti di Caio e di trovarsi in momentanee ristrettezze economiche e di essere pertanto intenzionato ad agire in giudizio nei confronti del predetto per ottenere la soddisfazione del proprio credito, Tizio convince Mevio a consegnargli tale somma; inoltre, approfittando di una momentanea distrazione di Mevio, fruga in un cassetto del soggiorno e si impossessa della ulteriore somma di euro 300,00 ivi rinvenuta, dandosi poi alla fuga. Nell’uscire Tizio si accorge però della presenza di telecamere di sicurezza nel palazzo e teme di essere in tal modo identificato, essendo pluripregiudicato per reati specifici: decide dunque di recarsi dal proprio legale per un consulto. Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio rediga motivato parere individuando i reati configurabili nel caso di specie e la relativa disciplina in ordine alla procedibilità dell’azione penale e alla possibilità di applicazione di misure cautelari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook