CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news al 5 giugno 2017

Amnistia e carceri, le news ad oggi: la situazione nel carcere di Avellino. Una cririca situazione si registra nel carcere di Avellino, dove è intervenuto, con un sopralluogo, il Garante dei detenuti della regione Campania, Samuele Ciambriello. Le criticità del carcere di Avellino sono diverse, tra cui il sovraffollamento, infatti ci sono una trentina di detenuti in sovrannumero, ma in particolare Ciambriello ha evidenziato problematiche per quanto riguarda la sanità e la sorveglianza. Si dovrebbe incrementare il numero di specialisti interni alla struttura detentiva, in quanto basti pensare che solo quest’anno sono state effettuate 455 visite esterne e ben 90 ricoveri ospedalieri. All’interno del carcere di Avellino, inoltre, si richiede una maggiore sicurezza. Sono diversi gli episodi di violenza fra detenuti, e sono stati registrati anche atti di autolesionismo. Ciò riporta al problema di un insufficiente numero di agenti di polizia penitenziaria.

Le ultime news dal mondo delle carceri: il percorso musicale di recupero emotivo a Rebibbia.

Una bella iniziativa è stata avviata a Roma dove, nella sezione femminile del carcere di Rebibbia, verrà effettuata una sorta di musicoterapia. La musica, infatti, viene qui utilizzata per aiutare i detenuti a controllare l’odio e per intraprendere un percorso rieducativo. Il progetto prevede l’installazione di audioteche nei corridoi che collegano le celle con le sale di colloquio. L’iniziativa è stata presentata da Franco Mussida, presidente del CPM Music Istitute e da Federico Zampaglione, cantante dei Tiromancino. A parlare dell’iniziativa è lo stesso Franco Mussida, che spiega come “Il cammino musicale permette alle detenute di creare una calda culla per i propri pensieri, creata dai climi emotivi che esalteranno il potenziale consolatorio e amorevole contenuto nelle composizioni che verranno diffuse, riscaldando emotivamente un luogo di per sé desolato. Inoltre, ci teniamo a sottolineare che questo progetto è nato dal suggerimento del Comandante della Polizia Penitenziaria subito ripreso dalla direttrice del Carcere, a dimostrazione della sensibilità che questo corpo di sorveglianza ha verso la popolazione detenuta”. Le detenute possono creare delle playlist in base a quello che è il loro stato d’animo ed al loro percorso interiore di recupero. La scelta tra i brani musicali è estremamente varia; le detenute potranno scegliere tra circa 2000 brani di diverso genere: musica classica, pop, rock, colonne sonore, musiche orchestrali, musiche etniche. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook