CONDIVIDI
Manovra 2018: arriva un nuovo pacchetto di 11 emendamenti

Legge di Bilancio, ultime news. Arriva un nuovo pacchetto di 11 emendamenti dal relatore del Pd Francesco Boccia, facendo spostare a mercoledì l’approdo della Legge di Bilancio alla Camera. Tali emendamenti riguardano dalla conferma anche per il 2018 del canone Rai a 90 euro, all’introduzione della legge sugli educatori socio-pedagogici e i pedagogisti, fino all’anticipo dell’entrata in vigore delle nuove regole europee per la tracciabilità dei farmaci, con una norma transitoria che consente a quelli prodotti prima del 9 febbraio 2019 di essere commercializzati fino alla loro scadenza.

Salta la stretta sui contratti a termine e sull’aumento dell’indennità di licenziamento.

L’emendamento alla Manovra presentato in commissione Bilancio dalla deputata Pd Chiara Gribaudo, che prevedeva la riduzione del termine massimo da 36 a 24 mesi, è stato ritirato. Manca l’accordo politico e i tempi per il via libera alla Manovra sono strettissimi. Inoltre, salta anche la stretta sui licenziamenti. Il presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, ha ritirato l’emendamento che portava da 4 ad 8 le mensilità minime da pagare al lavoratore in caso di licenziamento senza giusta causa, su indicazione del governo e del relatore alla Manovra. Ha dichiarato Damiano “L’esecutivo sta compiendo un errore che non è di poco conto. La prossima legislatura dovrà affrontare questo problema perché in Italia licenziare costa troppo poco ed è diventato troppo facile”.

Nuovi servizi farmacie, via a sperimentazione.

Il via libera alle denominate “farmacie dei servizi” nel triennio 2018-2019 in nove Regioni italiane. Si tratta di servizi di assistenza domiciliare, che vanno dalle prestazioni fisioterapiche a quelle infermieristiche, prenotazioni di visite specialistiche presso il sistema sanitario nazionale. A stabilire quali saranno le Regioni coinvolte vi sarà un decreto del ministero della Salute.

Bonus bebè rinnovato per i nati nel 2018.

Il bonus bebè viene rinnovati per i soli nati nel 2018, ammonta a 4000 euro la soglia di reddito per considerare i figli lavoratori fiscalmente a carico dei genitori, e non più 2.841 euro. Lo prevedono due emendamenti alla manovra che rivedono il ‘pacchetto famiglia’ approvati dalla commissione Bilancio. L’aumento della soglia vale per i ragazzi entro i 24 anni di età. Oltre rimane in vigore l’attuale soglia di 2.841,51 euro. Gli under 24 che fanno piccoli lavori entro i 4mila euro nella relazione tecnica sono indicati in 132.300.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook