CONDIVIDI
Tredicesima delle pensioni, ecco chi riceverà il bonus di 154,94 euro

Pensioni, ultime news. La tredicesima sulle pensioni minime sono state accreditate dal Inps, con essa, un bonus aggiuntivo pari a 154,94 euro, previsto dalla finanziaria 2001 a favore dei soggetti titolari di uno o più trattamenti pensionistici il cui importo complessivo annuo non superi 6.686 euro ovvero la soglia minima annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti . Per gli assegni che eccedono di poco le pensioni minime si potrà beneficiare di un accredito parziale del bonus aggiuntivo. Vediamo nel dettaglio i beneficiari e l’ammontare degli assegni.

Bonus tredicesima pensioni minime: i beneficiari.

Per ricevere il bonus da 154,94 euro occorre rispettare alcuni requisiti specifici. Infatti, tale contributo è destinato a coloro che hanno un reddito non superiore ai 9796,60 euro. Per i pensionati al minimo che risultano sposati invece il reddito cumulato con quello del coniuge non deve essere superiore a 19.500 circa euro l’anno. La maggiorazione non spetta invece per gli assegni di esodo (cd isopensione), per gli assegni straordinari di solidarietà, per gli indennizzi ai commercianti e per le prestazioni di invalidità civile.

Calcolo del reddito e riconoscimento parziale.

Nel calcolo del reddito vi rientrano tutti i redditi assoggettabili Irpef, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali e con esclusione del reddito della casa di abitazione e relative pertinenze, del Trattamento fine rapporto (TFR) e dei redditi da competenze arretrate sottoposte a tassazione separata. Per quanto concerne il riconoscimento in misura parziale del bonus sulla tredicesima pensione, è destinato a chi percepisce una pensione compresa tra il trattamento minimo ed il valore incrementato della misura della maggiorazione stessa, ovvero 6.840,96 euro l’anno. Quindi, il bonus che spetta sarà pari alla differenza tra quest’ultimo valore e l’importo della pensione. Inoltre per coloro, che pur avendo diritto alla quattordicesima, non hanno ricevuto l’accredito durante questi mesi, spiega Celesta Collovati, legale di Aspes, associazione per i diritti dei pensionati, “Stiamo avviando diversi ricorsi su questo fronte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook