CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 20 giugno 2017

Le ultime news dal mondo delle carceri, le news ad oggi: i regali di Natale realizzati dai detenuti. Una bella iniziativa è stata svolta a Milano, dove i detenuti hanno realizzato tante idee regalo per il Natale alle porte. Le realizzazioni provenienti dal mondo del carcere sono in vendita al Consorzio Vialedeimille. Sono tanti i prodotti realizzati, e grazie alla loro varietà sono in grado di accontentare tutti i gusti. Troviamo, infatti, prodotti alimentari quali vini, marmellate, panettoni, cioccolata, e pensierini vari tra cui grembiuli gourmet, borse, cashmere, corone dell’avvento, runner, calendari, cartoline, fiori, piante e tante altre idee regalo. A parlare di questa bella iniziativa, che consente ai detenuti di effettuare un percorso di formazione e di recupero, è Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio: “Proprio in questi giorni in cui tutti siamo impegnati nella ricerca di piccoli pensieri per i nostri cari, qui possiamo trovare oggetti originali e di qualità che coniugano innovazione tecnologica e maestria artigianale con il riscatto sociale di chi li realizza. La collaborazione tra imprese ristrette e imprenditori che scelgono di produrre all’interno delle carceri consente di ampliare i percorsi di riqualificazione professionale per i detenuti aumentandone le competenze tecniche e favorendo il loro rientro nel mercato del lavoro come valido strumento di riscatto sociale”.

Amnistia e carceri, le ultime news ad oggi: Rita Bernardini ricomincia lo sciopero della fame. L’annuncio sui social.

Rita Bernardini ha fatto sapere, attraverso un post su Facebook, che ha intrapreso nuovamente lo sciopero della fame per l’approvazione dei decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. Ecco il post della Bernardini: “E ora tocca a Gentilini! Ripreso da 2 giorni lo sciopero della fame per l’approvazione (prima dello scioglimento delle Camere) da parte del Consiglio dei Ministri dei decreti attuativi della riforma dell’Ordinamento penitenziario. Mi giunge notizia che anche 12 detenuti del carcere di Cassino si uniscono al Satyagraha che nelle varie fasi ha coinvolto oltre trentamila detenuti. L’annuncio dato al Congresso di Nessuno Tocchi Caino: “Nel dare atto al Ministro della Giustizia Andrea Orlando di aver trasmesso da tempo al capo del governo Paolo Gentiloni i decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario, sostiene l’azione nonviolenta di Rita Bernardini e Deborah Cianfanelli, condotta insieme a decine di migliaia di detenuti, volta all’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri di una riforma sempre più necessaria e urgente per le condizioni in cui versano le carceri del nostro Paese, a partire dalla salute dei detenuti sempre più vittime di abbandono sanitario spesso a causa di irresponsabili decisioni dei giudici di sorveglianza, come testimonia la vicenda di Marcello Dell’Utri, più che mai rappresentativa dei tantissimi casi di detenuti che in carcere non sono adeguatamente curati persino quando sono affetti da malattie gravissime. (Stralcio della mozione approvata dal Congresso di Nessuno Tocchi Caino il 16 dicembre scorso).

L’iniziativa nonviolenta è sostenuta anche dai compagni radicali di Milano Lucio Bertè e Mauro Toffetti che aggiungono: … Ci rivolgiamo altresì, con questa nostra azione nonviolenta, agli Assessori Regionali, responsabili per la Sanità dei cittadini, affinché prevalga il diritto-dovere di cure, rispetto a qualsiasi motivazione di ordine giudiziario. Chiediamo a tutti i cittadini a partire dai cittadini detenuti, di condividere e partecipare a questa nostra iniziativa nonviolenta che si articola in un digiuno a catena di un giorno per ogni Partecipante”. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook