CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news al 5 giugno 2017

Le ultime news dal mondo del carcere ad oggi, 24 dicembre 2017. Il consiglio dei ministri ha dato il via libera alla riforma dell’ordinamento penitenziario. La riforma contiene una parte dedicata all’assistenza sanitaria, una dedicata alle misure alternative, una alla semplificazione dei procedimenti, una alla eliminazione di automatismi e preclusioni nel trattamento penitenziario, al volontariato e l’ultimo alla vita penitenziaria, per un totale di sei parti. Con il maggior utilizzo a misure alternative si vuole cercare di risurre il grande problema del sovraffollamento: troppo spesso i detenuti non riescono a vivere nei 3 metri quadri previsti, e per questo l’Italia è stata anche bacchettata dall’Europa. Si vuole puntare su progetti di formazione e di reinserimento sociale, per ridurre il rischio di recidiva, ed in alcuni casi si assegneranno misure alternative al carcere. Per far ciò verrà aumentato il numero degli educatori, spesso oggi troppo carenti, basta pensare che a Busto Arsizio c’è un educatore ogni 196 detenuti, a Bologna uno ogni 139.

Riforma del sistema penitenziario, a gennaio il via libero definitivo.

Il Ministro Orlando si è espresso su questo importante passo avanti: “È un lavoro durato molti anni e del quale sono orgoglioso. Oggi è una giornata per me molto importante”. Anche Rita Bernardini si è espressa favorevolmente. La Bernardini, che martedì scorso aveva intrapreso un nuovo sciopero della fame, sottolinea l’importanza che questo provvedimento ha per il problema del sovraffollamento. Il testo dei decreti attuativi ora dovrà essere esaminato dalle Commissioni parlamentari competenti, per un parere non vincolante, per poi tornare in Cdm per il via libero definitivo, che forse avverrà entro gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook