CONDIVIDI
Pensioni 2018. previste trattenute e rivalutazioni nel 2018

L’Inps ha pubblicato una circolare, la 186 del 2017, in cui si chiariscono alcuni punti in merito alle pensioni. La circolare contiene una buona ed una cattiva notizia. Ci sarà un aumento dell’1,1%, ma si annuncia anche una trattenuta sulla pensione nei mesi di gennaio e febbraio 2018. La trattenuta è a titolo di recupero del conguaglio, pari all’ 0,1% sulla prnsione lorda annua, di perequazione per l’anno 2015. “Com’è noto, la percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle prestazioni previdenziali e assistenziali per l’anno 2014 è stata determinata, dal 1° gennaio 2015, nella misura definitiva pari a +0,2%, a fronte della misura provvisoria dello 0,3%. Pertanto, in sede di conguaglio di perequazione effettuato per il successivo anno 2016, il differenziale è risultato pari a -0,1”, si legge nella circolare.

Le rivalutazione delle pensioni nel 2018, le novità.

Per quanto riguarda, invece, la rivalutazione delle pensioni, essa sarà pari all’ 1,1% per le pensioni fino a tre volte il minimo, facendo in questo modo crescere gli importi della pensione che sono oramai fermi da due anni. Per quanto riguarda, invece, le pensioni da tre a quattro volte il minimo, ci sarà un 1,045 dell’assegno, mentre per le pensioni comprese tra le cinque e le sei volte si avrà lo 0,550%. Per le pensioni di importo oltre le sei volte il minimo, si avrà un aumento dello 0,495%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook