CONDIVIDI
Dichiarazione dei redditi 2018: ecco le nuove detrazioni fiscali

Per la dichiarazione dei redditi 2018 previste nuove detrazioni fiscali. La legge di bilancio ha introdotto delle novità riguardo le detrazioni fiscali. Vediamo nel dettaglio quali spese si potranno scaricare in dichiarazione dei redditi. È utile, primadittutto, chiarire la differenza tra spese detraibili e spese deducibili: la detrazione fiscale fa riferimento agli importi che il contribuente può sottrarre al montante da dichiarare e sul quale calcolare le imposte da pagare, invece, le spese deducibili agiscono direttamente sulla base imponibile.

Figli a carico: sale a 4000 euro al mese il limite di reddito nel 2018.

Dal 2018 la soglia di reddito per poter avere accesso alle detrazioni fiscali per figli a carico, è passata da 2.840,51 euro a 4000 euro al mese. La misura fa parte del pacchetto bonus famiglia della nuova Legge di Stabilità 2018 attualmente all’esame del Parlamento. Ciò vale per i figli a carico entro i 24 anni. Per i figli al di sopra dei 24 anni varrà lo stessa detrazione attuale. La detrazione per figli a carico è di solito divisa al 50% tra padre e madre e al 100% può spettare ad un solo genitore su accordo, se uno dei due ha il reddito più alto oppure se l’altro genitore e a carico. La detrazione è unica, ovvero stessa percentuale, per tutti i figli. Da sottolineare che oltre ai figli, la detrazione vale anche per gli altri familiari a carico.

Abbonamenti più convenienti per bus e treni.

Nel testo della manovra è presente una disposizione per i nuovi abbonamenti per treni e bus, saranno proposti con sconti rispetto alla tariffa piena. Lo sconto prevede una detrazione del 19% sul costo dell’abbonamento dei trasporti pubblici, compresi i treni locali, regionali e interregionali. Il bonus è esercitabile fino ad un limite di spesa di 250 euro.

Detrazioni per la casa: sismabonus, bonus mobili e bonus verde.

Per gli edifici situati in zone rischio sismico 1,2,3, è stata confermato il “sismabonus”. Si tratta di un’agevolazione introdotta dal 1° gennaio 2017 che prevede una consistente detrazione fiscale sugli interventi di consolidamento degli immobili, finalizzati a migliorare la resistenza agli eventi sismici. Prevede la possibilità di detrazione fino all’85% delle spese per i lavori di messa in sicurezza in caso di passaggio a due classi di rischio inferiori. La Legge di Bilancio ha prorogato il bonus mobili 2018, per coloro che hanno effettuato lavori di ristrutturazione nel 2017 o che hanno intenzione di effettuarli nel 2018. I proprietari di terrazzi e giardini che procederanno alla sistemazione del verde, è previsto il “bonus verde”. Si tratta di una detrazione fiscale del 36% per chi acquista alberi e piante, effettua la sistemazione di siepi e prati, realizza o migliora impianti di irrigazione. La detrazione sui lavori di giardinaggio, che comprende anche le spese di progettazione delle aree verdi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook