CONDIVIDI
Riforma pensioni, oggi 16 gennaio 2018: pensioni anticipate, Legge Fornero, cumulo, Opzione Donna, Esodati

Riforma pensioni, le ultime news. Secondo gli ultimi dati contenuti nelle tabelle Istat ed elaborati dall’Adnkronos, nel 2016 i pensionati sono scesi a quota 16,1 milioni, contro i 16,8 milioni del 2008. In termini assoluti si tratta di 715.047 persone in meno, che corrisponde a una riduzione del 4,3%. Nello stesso periodo, però, la spesa per gli assegni è aumentata di 41,2 miliardi, passando da 241,2 miliardi a 282,4 miliardi (+22,3%). Si stima che in questi anni siano stati ‘risparmiati’ 15-16 miliardi l’anno, a cui però bisogna aggiungere i costi dei diversi interventi compensativi dalle salvaguardie degli esodati all’ape. Il sistema pensionistico costa sempre di più a causa dell’incremento degli assegni, che in media sono aumentati del 22,3%, passando da 14.373 euro del 2008 a 17.580 euro del 2016 (+3.207 euro).

I pensionati sono passati da 17.139 euro l’anno a 20.697 euro, con un incremento del 20,8% (+3.558 euro), mentre le donne sono passate da 11.907 euro a 14.780 euro, con un incremento del 24,2% (+2.873 euro). La crescita maggiore dei redditi delle pensionate ha consentito di ridurre lo squilibrio, che resta comunque a elevato: nel 2008 gli uomini percepivano un assegno del 44% più elevato, nel 2016 la differenza si è ridotta al 40%. Il numero di donne a riposo è maggiore rispetto agli uomini, 8,4 milioni contro 7,6 milioni, ma la spesa pensionistica è comunque destinata in misura maggiore agli uomini, che ricevono il 56,2% dei 241,2 miliardi distribuiti nel 2016.

Riforma pensioni e Cumulo gratuito, le ultime news. 

La disciplina sul cumulo gratuito dei contributi, versati, cioè, in più Gestioni, consentita dalla Legge di Bilancio per il 2017, va verso l’applicazione. I tecnici dell’Inps e le Casse di previdenza private stanno collaborando per far sì che tale possibilità possa essere sfruttata dai liberi professionisti “già entro la fine di febbraio“, considerando che prima dovranno esserci altri passaggi. Nei giorni scorsi, l’Adepp (l’Associazione che riunisce gli Enti previdenziali) aveva ricordato di aver inviato “il 24 novembre” del 2017 “la propria proposta di convenzione” con l’Istituto pubblico, non avendo, aveva specificato il presidente Alberto Oliveti, “mai smesso, in questi lunghi mesi, di sollecitare soluzioni a breve tempo, affinché gli iscritti potessero avere risposte ed indicazioni per esercitare il proprio diritto di cumulare i periodi assicurativi maturati, predisponendo, pur di fronte a incertezze dovute ad una norma non chiara ed esaustiva, azioni per attuare al meglio e prontamente quanto verrà stabilito, modificando regolamenti, o adottando delibere, raccogliendo le domande e le istanze presentate, in un confronto continuo e trasparente con i propri professionisti”.

Riforma pensioni, le news di Cesare Damiano.

Le news sulle pensioni vengono fornite in una nota da Cesare Damiano, che commenta le ultime dichiarazioni di Carlo Cottarelli pubblicate in un articolo di Repubblica: “Carlo Cottarelli, in un articolo su Repubblica di oggi, scrive sul tema delle pensioni. Come Salvini e Di Maio, Cottarelli affronta l’argomento assumendo un punto di vista assolutamente parziale che contiene due errori di fondo: il primo, caricare sulla sola legge Fornero il destino dell’equilibrio dei conti del sistema previdenziale; il secondo, considerarla come se, in questi 5 anni, non fosse accaduto nulla e fossimo ancora alla legge Fornero delle origini”.

Sul primo punto va ricordato che un insieme di riforme ha contribuito a mettere in equilibrio la spesa pensionistica. Se si affronta il secondo punto, rimarca Damiano, la legge Fornero è stata ben più che modificata. Se nel corso della legislatura appena conclusa si sono realizzate 8 salvaguardie, APE sociale e precoci, blocco dell’innalzamento dell’età pensionabile per i lavori gravosi. Oltre a questo, e al di là della Fornero: cumulo gratuito dei contributi, Opzione Donna e quattordicesima per i pensionati più poveri, tanto altro si potrà fare nella prossima. Da questi risultati, conclude Damiano, bisogna ripartire per fare altri passi avanti, senza dover essere intrappolati da chi teorizza, ad esempio la cancellazione di una legge che in parte è già stata cancellata. Qui puoi trovare le ultime news e novità su riforma pensioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook