CONDIVIDI
Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 29 gennaio 2018

Le ultime news dal mondo delle carceri ad oggi, 29 gennaio 2018: le criticità del carcere di Trento. Rita Bernardini prosegue le sue visite nelle carceri italiane, e recentemente è stata allo Spini di Trento dove sono stati rilevati molti problemi: il più grave problema del carcere di Trento è lo stato di ozio in cui versano i detenuti. “Questa non è rieducazione e a rimetterci è l’intera società. Il problema lì dentro è la vita dei detenuti, l’ozio, il fatto che non ci sono attività legate alla rieducazione”. Il Dolomiti riporta anche le parole del Presidente dell’Ordine degli Avvocati Andrea De Bertolini, che ha effettuato l’ispezione nel carcere insieme a Rita Bernardini. Il Presidente parla del tema delle misure alternative: “I magistrati di sorveglianza ne fanno un uso troppo parsimonioso, quasi non fossero considerate utili per la rieducazione, quando invece sono fondamentali”.

Amnistia e carceri, le ultime news al 29 gennaio 2018: un detenuto muore nel carcere di Venezia a soli 35 anni. 

 

Un detenuto è morto nel carcere di Venezia a soli 35 anni. Sul corpo dell’uomo è stata disposta l’autopsia, ma per ora si pensa che sia spirato a causa di un malore o di un mix di farmaci. L’uomo era in carcere dal mese di luglio per spaccio, ed improvvisamente si è accasciato a terra davanti ad i suoi compagni di cella. C’è da accertare se il detenuto sia morto per un inferto, come è stato comunicato alla famiglia, oppure se si sia riuscito a procurare farmaci ulteriori oltre a quelli che gli venivano somministrati per la tossicodipendenza. Se non si dovesse trattare di morte naturale, si aprirebbe un dibattito sulla sicurezza e sui controlli del carcere di Venezia dove da tempo i sindacati degli agenti penitenziari denunciano una grave carenza di personale ed un sovraffollamento dei detenuti (la capienza regolamentare è di 163 persone, ma al 30 giugno sono state registrate 262 persone). Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Segui ContattoNews.it su Facebook