Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 10 dicembre 2018

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 18 giugno 2018

Nel carcere di Poggioreale è stata sventata un’evasione. A riferirlo è il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede con una nota con la quale spiega che un assistente capo della Polizia penitenziaria ha evitato che un detenuto fuggisse dall’ospedale cittadino di Loreto a Mare.

Bonafede spiega che l’assistente capi ha sventato l’evasione “mettendo a rischio la propria incolumità e ora è a sua volta in ospedale per le lesioni riportate. A lui va il mio personale ringraziamento e i migliori auguri per una pronta guarigione. Il sistema carcerario non ha bisogno di eroi, ma va migliorato con interventi che aumentino i livelli di sicurezza: negli istituti, nei servizi di traduzione e in quelli di piantonamento presso le strutture ospedaliere”.

Le ultime news dal mondo del carcere ad oggi: nuove aggressioni tra detenuti all’interno delle carceri.

Nuovi episodi di violenza si sono verificati nelle carceri italiane, stavolta a Reggio Emilia. Qui un detenuto di nazionalità tunisina ha picchiato un suo connazionale e poi ha appiccato un incendio. Gli agenti di polizia penitenziaria sono prontamente intervenuti, ma il detenuto li ha minacciati con una lametta, invocando l‘Isis. Il personale di polizia non si è lasciato scoraggiare e, con grande coraggio, ha riportato la situazione alla normalità.

Mentre la polizia penitenziaria era impegnata a calmare il detenuto, il fumo si è sparso per l’intera area carceraria, ed i detenuti sono stati dovuti evacuare.

Il Sappe, nel commentare l’accaduto, ha ringraziato e lodato il personale di polizia penitenziaria, ed ha chiesto un maggior impiego di forze: “All’amministrazione penitenziaria regionale e centrale nonché a tutte le figure anche politiche competenti in materia di sicurezza, a ciascuno per quanto di propria competenza, si lancia un grido di allarme per provvedere ad una urgente integrazione dell’organico di polizia penitenziaria con le risorse mancanti nei diversi ruoli”. Sul corpo del detenuto verrà effettuata l’autopsia per stabilire le chiare cause della morte. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.