Amnistia e indulto, carceri e riforma dell’ordinamento penitenziario, le ultime news al 22 febbraio 2018

Amnistia a carceri, le ultime news ad oggi, giovedì 22 febbraio 2018: si riunisce oggi il Consiglio dei ministri per l’approvazione della riforma dell’ordinamento penitenziario. È prevista oggi la valutazione in Consiglio dei ministri della riforma dell’ordinamento penitenziario. L’approvazione dovrebbe avvenire senza quelle modifiche richieste dalla  commissione Giustizia del Senato. Il testo della riforma prevede un’ampliamento delle misure alternative al carcere, una maggiore assistenza sanitaria e la possibilità di accedere a internet o ad applicazioni di messaggistica per i colloqui. Se dovesse venire approvato il testo originario, senza le modifiche richieste dal Senato, la riforma andrà in Parlamento, che valuterà le motivazioni per cui non sono state effettuate le modifiche. Il problema è che il tempo è poco: tutto deve essere fatto entro il 4 marzo. I tempi destano preoccupazione anche a Rita Bernardini, che sulla sua pagina Facebook ha scritto: “Bisognerà vedere se ci sarà l’ok definitivo entro il 4 marzo. Importante che non abbiano accolto le modifiche demolitorie della Commissione giustizia del Senato”.

Riforma dell’ordinamento penitenziario, le ultime news al 22 febbraio 2018: lo sciopero della fame dei garanti dei detenuti.

Nelle carceri i detenuti attendono le prossime ore per vedere se la riforma sarà approvata nel suo testo originario. In attesa della decisione del Consiglio dei ministri i Garanti dei detenuti si uniranno ai detenuti ed insieme faranno una veglia di digiuno. Anche Rita Bernardini sta effettuando uno sciopero della fame dal 22 gennaio, e domani ben 35 garanti seguiranno il suo esempio.

Il garante regionale della regione Piemonte Bruno Mellano ha spiegato a Il Dubbio che “Sarebbe opportuno che il governo prenda in esame tutti gli altri decreti finora rimasti inevasi, come l’ordinamento penitenziario minorile, il lavoro e l’affettività. Su quest’ultimo punto basterebbe salvare il principio che si possano prevedere degli incontri non osservati a vista, in maniera tale che si possa poi ottenere una successiva revisione regolamentando la modalità di svolgimento degli incontri riservati”. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.