L’ONU esorta Haftar a evitare una guerra in Libia!

libia guerra-min

New York – Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha fatto appello all’Esercito Nazionale Libico (LNA), guidato da  Khalifa Haftar, affinché eviti uno scontro militare. Tale la dichiarazione del Consiglio sui risultati di una riunione di emergenza sulla Libia. Il testo della dichiarazione è stato letto dal presidente del Consiglio di sicurezza in aprile – il rappresentante permanente tedesco Christoph Heusgen.

“Il Consiglio di sicurezza ha espresso preoccupazione per l’attività militare in Libia“, ha dichiarato, “i membri del Consiglio di sicurezza chiedono alle truppe dell’esercito nazionale di evitare uno scontro militare, non c’è una soluzione militare al conflitto“. I partecipanti hanno sostenuto gli sforzi del segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, e del suo rappresentante speciale Hasan Salame sull’insediamento in Libia.

Pieno sostegno al segretario generale Guterres

“Abbiamo espresso pieno sostegno agli sforzi del Segretario generale delle Nazioni Unite e del suo inviato speciale, e abbiamo invitato tutte le parti a proseguire il dialogo e ad adempiere agli impegni di una cooperazione costruttiva con l’ONU”, ha sostenuto il diplomatico tedesco. Anche i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite “hanno espresso profonda preoccupazione per le azioni militari nei pressi di Tripoli, che minacciano la stabilità e le prospettive della Libia per la mediazione delle Nazioni Unite, nonché una soluzione politica globale della crisi”.

Due governi in Libia

Ci sono oggi due governi in Libia: il Governo di Accordo Nazionale riconosciuto dalla comunità internazionale, con il Primo Ministro Faiz Sarraj a Tripoli e il gabinetto provvisorio dei ministri Abdullah Abdurrahman Al-Thani, che opera nell’est del paese insieme a un parlamento eletto e sostenuto dall’LNA di Haftar. Questi ha annunciato il 4 aprile l’inizio di un attacco a Tripoli. Sarraj, a sua volta, ha dato l’ordine a tutte le unità militari sotto il suo comando di prepararsi alla difesa.

Informazioni sull'autore