MotoGp Argentina 2018: Dani Pedrosa primo nelle libere

MotoGp Argentina 2018: nella prima sessione a Termas de Rio Hondo Dani Pedrosa è primo e precede Crutchlow e l’abruzzese della Suzuki Iannone, il migliore degli italiani che si piazza terzo. Marquez è sesto, con Dovizioso ottavo, Lorenzo nono e Petrucci decimo alle spalle di Valentino settimo.

Il programma del Gran Premio d’Argentina 2018.

Dopo l’esordio in Qatar, la MotoGp torna in pista con il Gran Premio d’Argentina 2018. La seconda gara della stagione (delle 19 in programma nei prossimi nove mesi di Motomondiale, con la novità Thailandia in calendario) si disputerà sul circuito di Termas de Río Hondo. Andrea Dovizioso e Marc Marquez sono in forma e pronti a giocarsi il titolo.

Valentino Rossi farà di tutto per rendere la vita complicata ai duellanti designati: Valentino Rossi nelle ultime tre edizioni è sempre salito sul podio: primo nel 2015, secondo nel 2016 e 2017.. La classifica piloti rispecchia, ovviamente, l’ordine d’arrivo del Qatar. Dovizioso guida con 25 punti, poi Marquez con 20 e il Dottore con 16. La ‘griglia di partenza del weekend’ è la seguente: venerdì le tre classi scendono in pista per le prime sessioni di prove libere.

Nel pomeriggio di sabato, poi, le qualifiche: alle 17.30 la Moto3, alle 18.25 la Moto2 e alle 20.10 la MotoGp, preceduta alle 19.30 dall’ultima sessione di libere per la top class. Domenica appuntamento con la gara alle 20, preceduta alle 17 dalla Moto3 e alle 18.20 dalla Moto2.

Prima sessione Libere del MotoGp Argentina 2018: Pedrosa vola!

Prime libere in Argentina nel segno di Dani Pedrosa. Sulla pista di Termas de Rio Hondo, lo spagnolo della Honda stacca il miglior tempo della prima sessione. Con il crono di 1’40″303 Pedrosa precede Crutchlow (Honda Lcr) di 0″042 e Iannone (Suzuki) di 0″083, che commette un errore nella parte finale del suo giro e spreca così l’opportunità di essere primo.

Nell’ideale seconda fila ecco Zarco (Yamaha Tech3) a 0″311, poi Miller (Ducati Pramac) a 0″412 e Marquez (Honda) a 0″478. Per trovare gli altri italiani si deve arrivare al 7° posto con Rossi (Yamaha) staccato di 0″522 a precedere le Ducati di Dovizioso (+0″635), Jorge Lorenzo (+0″716) e Petrucci (Team Pramac). Il ternano è anche scivolato senza conseguenze alla curva 13. Ai margini della top 10 bravo Syahrin, 11° con la Yamaha Tech3 a 0″791, e in difficoltà Morbidelli, 13° a 0″921. Morbidelli è 19°mentre il compagno Luthi è 23°.

Alle 20 la seconda sessione, con la minaccia costante della pioggia che potrebbe dare una valenza importante alla classifica delle Libere1.