Riforma pensioni, le ultime novità ad oggi 7 settembre 2018

Il governo guidato dal premier Giuseppe Conte è al lavoro sulle misure previste nel contratto del cambiamento da introdurre nella prossima legge di Bilancio. “Stiamo approfondendo tutti i dettagli per varare un piano finanziario che tenga i conti in ordine e che consenta al Paese di perseguire un pieno rilancio sul piano economico-sociale: la nostra sarà una manovra nel segno della crescita nella stabilità” ha detto il presidente del Consiglio al termine dell’incontro con i due vicepremier, Tria e Giorgetti.

“In particolare – ha spiegato Conte – stiamo lavorando alle riforme strutturali a favore della competitività del sistema-Paese che saranno parte qualificante del Piano nazionale Riforme e, quindi, parte integrante della manovra economica”.

Salvini e Di Maio, reddito di cittadinanza e pensioni: “Saranno in manovra”.

Il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, al termine del vertice ha spiegato: “Flat tax e reddito di cittadinanza non sono misure alternative, le due cose sono nel contratto. Fare reddito di cittadinanza in Italia significa aiutare le imprese e gli artigiani, perché quella gente che sarà destinaria del reddito spenderà soldi, si formerà per nuovi lavori e potremo reinserirla eliminando una parte di povertà in Italia che è quella che ci sta portando in una condizione sociale per cui le diversità aumentano”.

E ancora, in manovra “deve esserci il reddito di cittadinanza, il superamento della Fornero e gli aiuti alle imprese con gli sgravi fiscali”. “Tutto questo si può fare tenendo i conti in ordine? Si’ – ha aggiunto Di Maio – e vedrete che la Legge di Bilancio rassicurerà i mercati, ma soprattutto rassicurerà le famiglie che hanno figli disoccupati o genitori che non riescono ad andare in pensione”.

Il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini in un’intervista a Radio Anch’io ha detto: “Il reddito di cittadinanza sarà nella manovra, quella di ieri era una riunione dei temi economici della Lega, il reddito di cittadinanza è una battaglia dei Cinquestelle, non metto becco nei temi altrui, ma in governo siamo in due”.

“La priorità della Lega – ha insistito Salvini – per i temi economici resta la legge Fornero, palesemente sbagliata. Arrivare a quota 100 e mandare in pensione chi se lo è meritato“. “Flat tax, pace fiscale, smantellamento della Fornero: se riusciremo a farlo, come penso e come mi auguro, rispettando tuti i vincoli e le regole imposti da sopra, da sotto e di fianco saremo le persone più felici del mondo. Ma è chiaro ed evidente che se per mettere in sicurezza l’Italia, ponti, strade, autostrade, ferrovie e scuole dovessimo spendere un miliardo in piu’ rispetto a quanto ci e’ permesso, lo spenderemo” ha concluso il vicepremier.