Riforma pensioni, tutte le ultime novità ad oggi 30 giugno 2018!

Lo azzeramento dei flussi migratori è un problema “serissimo” per il sistema pensionistico italiano. A dichiararlo è il presidente dell’Inps, Tito Boeri, dal palco del Festival del Lavoro, dove poco prima aveva parlato il vicepremier e ministro degli Interni Matteo Salvini.

Pensioni, Boeri: la quota 100 per superare la Fornero aumenta la spesa pensionistica.

Secondo Tito Boeri: “Avere più immigrati regolari ci permetterebbe fin da subito di avere dei significativi flussi contributivi di ingresso nel nostro mercato del lavoro“. “Gli scenari più preoccupanti per quanto riguarda la nostra spesa pensionistica futura sono quelli che prevedono una forte riduzione dei flussi migratori. Questa riduzione è in atto e i flussi cominciano a non essere più sufficienti per compensare il calo della popolazione autoctona”, ha spiegato il presidente dell’Inps.

Tito Boeri ha poi aggiunto che  il sistema pensionistico “non è in grado di adattarsi alla diminuzione dei contribuenti” legata al calo delle nascite in Italia. “Il problema è serissimo e dell’immediato. Volenti o nolenti l’immigrazione può darci un modo di gestire questa difficile transizione demografica. Avere immigrati regolari ci permette di avere flussi contributivi significativi”.

“Le previsioni ci dicono che nel giro di pochi anni perderemmo città intere e questo è un problema molto serio per il nostro sistema pensionistico. Anche se gli italiani ricominciano a fare i figli, ci vorranno almeno 20 anni prima che comincino a pagare contributi”. “Chiunque abbia un ruolo – ha continuato Tito Boeri – deve spiegare agli italiani questo problema” che si manifesta già “e non fra dieci anni”.

Il presidente Inps ha anche dichiarato che “quota 100“, proposta nel contratto di governo Lega-M5s per superare la Legge Fornero: “aumenta di molto la spesa pensionistica, ha effetti destinati a trascinarsi nel tempo e peggiora il rapporto tra pensionati e lavoratori”.

Tito Boeri ha spiegato: “Avremo un milione di pensionati in più come effetto di queste misure, ma avremo anche meno lavoratori perché aumenterebbero le tasse sul prelievo pensionistico”. “Secondo le stime più recenti del Fmi, attualmente abbiamo due pensionati per ogni tre lavoratori, nel giro di venti anni avremo un lavoratore per ogni pensionato” ha concluso.

La replica del vicepremier Matteo Salvini all’economista è arrivata su twitter dove ha scritto: “Secondo Boeri, presidente dell’Inps, la ‘riduzione dei flussi migratori’ è preoccupante perché sono gli immigrati a pagare le pensioni degli italiani…E la legge Fornero non si tocca. Ma basta!!!”.