Amnistia e indulto, carceri e detenuti: le ultime news al 19 giugno 2018

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 13 dicembre 2018

Nelle carceri della regione Emilia Romagna è allarme sovraffollamento, come sottolinea il garante dei detenuti nella sua relazione: si contano, infatti, ben 3488 detenuti, con un tasso di sovraffollamento che aumenta di anno in anno (basti pensare che in tre anni è aumentato del 20%) ed è arrivato a toccare il 124%. Ad aumentare è anche la popolazione dei detenuti stranieri, che si è incrementata negli ultimi tre anni del 5% e rappresenta oltre la metà dei detenuti.

Negli ultimi anni sono incrementati anche i suicidi nelle carceri dell’Emilia Romagna. Nel 2017 otto detenuti hanno deciso di togliersi la vita (esattamente il doppio rispetto al 2016), e questo numero rappresenta il 18% del totale nazionale. Elevato è anche il numero di tentativi di suicidi (125 detenuti hanno tentato di uccidersi), mentre gli atti di autolesionismo sono stati ben 1383. A tutto ciò si aggiunge una grave carenza numerica del personale di custodia, educativo ed amministrativo.

Il garante inoltre sottolinea che le carceri di Forlì e di Ravenna richiederebbero interventi importanti di manutenzione straordinaria.

Le ultime news dal mondo del carcere: il sovraffollamento a Torino.

Anche nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino è allarme sovraffollamento: la capienza regolamentare del carcere è di 1065 posti, ma i detenuti presenti al 31 dicembre 2017 erano 1.371, con un sovraffollamento di oltre 300 persone.

Il numero degli stranieri è cospicuo, ma comunque inferiore alla metà della popolazione; essi riescono ad accedere alle misure alternative con maggiori difficoltà rispetto agli altri detenuti per diverse cause: tra queste, difficoltà linguistiche, sociali e scarse risorse economiche.

Il tasso di recidiva risulta altissimo: circa il 70% dei detenuti che escono dal carcere una volta scontata la pena tornano a delinquere. Per questo, sostiene il direttore del carcere, “è necessario sostenere il carcerato con percorsi di inserimento lavorativo e sociale già da uno, due anni del rilascio, perché se no inevitabilmente scelgono la scorciatoia”. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.

Informazioni sull'autore