Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news al 2 agosto 2019

Amnistia e indulto, carceri e detenuti, le ultime news all’11 giugno 2018

Nelle Marche è emergenza carceri. Qui 1 detenuto su 3 ha disturbi psichiatrici. Questi disturbi possono assumere tre diverse fattispecie: psicotici, della personalità e correlati all’uso di sostanze.

Nei giorni scorsi in occasione della tappa tenutasi nelle Marche, precisamente nella casa circondariale Villa Fastiggi a Pesaro, del progetto “Insieme – Carcere e salute mentale”, si è discusso del problema della salute mentale dei detenuti. Nel carcere di Pesaro il 30% dei detenuti soffre di disturbi psichiatrici, ed il dato è a dir poco allarmante.

A parlare della situazione è il direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Pesaro Leo Mencarelli: “In carcere il disturbo mentale può assumere diverse forme e vari livelli di gravità. C’è da considerare, infatti, che la sola privazione della libertà rappresenta una condizione di estrema fragilità. Per una buona gestione è fondamentale l’integrazione tra diverse figure professionali come i magistrati di sorveglianza, gli psichiatri, gli assistenti sociali e gli agenti di polizia penitenziaria”.

Le ultime news dal mondo delle caraceri: il nuovo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale nelle Marche.

Il progetto “Insieme – Carcere e salute mentale” ha permesso di sviluppare un nuovo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per garantire una migliore assistenza ai detenuti con disturbi mentali. La direttrice della Casa circondariale di Pesaro ha avuto parole positive per questo progetto, definendolo: “Un percorso capace di integrare i punti di forza e il know how del personale sanitario e di quello penitenziario è fondamentale per garantire i massimi benefici sanitari e riabilitativi a ogni paziente detenuto che convive con un disturbo psichiatrico”.

Il nuovo Pdta, infatti, prevede la valutazione dello stato di salute mentale del detenuto fin dal suo ingresso in carcere ed il suo successivo monitoraggio. Il detenuto, così, non si troverà mai solo ma sarà sempre assistito. Ciò consente anche di prevenire i suicidi, molti dei quali sono messi in atto proprio da detenuti che soffrono di patologie psichiche. Qui puoi trovare tutte le ultime news su amnistia, indulto e carceri.