Papa Francesco, Udienza Generale di oggi mercoledì 2 maggio 2018:” Io rinuncio e io credo: questo è alla base del Battesimo”.

Si è svolta oggi 2 maggio 2018 la tradizionale Udienza Generale di Papa Francesco del mercoledì. Il Santo Padre ha dato inizio ieri al mese mariano, recitando il Santo Rosario al Santuario della Madonna del Divino Amore a Roma. Il pensiero del Pontefice è stato rivolto alla pace del mondo ed in particolar modo in Siria.

Ricordiamo che dopo aver completato la catechesi sulla Santa Messa, Papa Francesco ha iniziato la catechesi sul Battesimo. Lo scorso appuntamento con l’Udienza Generale del mercoledì è stata dedicata alla “forza di vincere il male”.

Udienza generale del 25 aprile 2018: “Noi tutti possiamo vincere, vincere tutto, ma con la forza che mi viene da Gesù”.

Papa Francesco nell’Udienza Generale del 25 aprile scorso ha spiegato che “Il Battesimo non è una formula magica ma un dono dello Spirito Santo che abilita chi lo riceve «a lottare contro lo spirito del male», credendo che «Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio per distruggere il potere di satana e trasferire l’uomo dalle tenebre nel suo regno di luce infinita”.

“E’ faticoso combattere contro il male, sfuggire ai suoi inganni, riprendere forza dopo una lotta sfiancante, ma dobbiamo sapere che tutta la vita cristiana è un combattimento. Dobbiamo però anche sapere che non siamo soli, che la Madre Chiesa prega affinché i suoi figli, rigenerati nel Battesimo, non soccombano alle insidie del maligno ma le vincano per la potenza della Pasqua di Cristo”, ha sottolineato Papa Francesco.

“Fortificati dal Signore Risorto, che ha sconfitto il principe di questo mondo, anche noi possiamo ripetere con la fede di san Paolo: «Tutto posso in colui che mi dà la forza». Noi tutti possiamo vincere, vincere tutto, ma con la forza che mi viene da Gesù“, ha precisato.

Udienza generale di Papa Francesco, oggi 2 maggio 2018.

Papa Francesco quest’oggi ha proseguito la riflessione sul Battesimo, soffermandosi i sui riti centrali, che si svolgono presso il fonte battesimale. “Consideriamo anzitutto l’acqua, sulla quale viene invocata la potenza dello Spirito affinché abbia la forza di rigenerare e rinnovare. L’acqua è matrice di vita e di benessere, mentre la sua mancanza provoca lo spegnersi di ogni fecondità, come capita nel deserto; l’acqua, però, può essere anche causa di morte, quando sommerge tra i suoi flutti o in grande quantità travolge ogni cosa; infine, l’acqua ha la capacità di lavare, pulire e purificare”, ha affermato il Pontefice.

“Perciò la Chiesa invoca l’azione dello Spirito sull’acqua «perché coloro che in essa riceveranno il Battesimo, siano sepolti con Cristo nella morte e con lui risorgano alla vita immortale». La preghiera di benedizione dice che Dio ha preparato l’acqua «ad essere segno del Battesimo» e ricorda le principali prefigurazioni bibliche”. ha aggiunto Papa Francesco.

“Forti di tale memoria, si chiede a Dio di infondere nell’acqua del fonte la grazia di Cristo morto e risorto . E così, quest’acqua viene trasformata in acqua che porta in sé la forza dello Spirito Santo. E con quest’acqua con la forza dello Spirito Santo, battezziamo la gente, battezziamo gli adulti, i bambini, tutti”, ha precisato il Santo Padre, aggiungendo:”Santificata l’acqua del fonte, bisogna disporre il cuore per accedere al Battesimo. Ciò avviene con la rinuncia a Satana e la professione di fede, due atti strettamente connessi tra loro”.

“La risposta alle domande – «Rinunciate a Satana, a tutte le sue opere, e a tutte le sue seduzioni?» – è formulata alla prima persona singolare: «Rinuncio». E allo stesso modo viene professata la fede della Chiesa, dicendo: «Credo». Io rinuncio e io credo: questo è alla base del Battesimo. E’ una scelta responsabile, che esige di essere tradotta in gesti concreti di fiducia in Dio. L’atto di fede suppone un impegno che lo stesso Battesimo aiuterà a mantenere con perseveranza nelle diverse situazioni e prove della vita. Ricordiamo l’antica sapienza di Israele: «Figlio, se ti presenti per servire il Signore, preparati alla tentazione», cioè preparati alla lotta. E la presenza dello Spirito Santo ci dà la forza per lottare bene”. Qui trovi tutte le ultime notizie su Papa Francesco.