Riforma pensioni, le ultime novità ad oggi 28 agosto 2018

Riforma pensioni, le ultime novità ad oggi 28 agosto 2018

Il governo Lega-M5S, da settembre dovrà affrontare l’importante discussione della Legge di Bilancio che dovrà essere approvata entro la fine dell’anno. Il vicepremier e ministro Luigi Di Maio in un’intervista ha parlato dei prossimi provvedimenti ed ha promesso “un autunno caldissimo” ed una manovra finanziaria orientata al coraggio.

Pensioni, Luigi Di Maio promette “un autunno caldissimo” ed una manovra coraggiosa.

L’autunno sarà caldissimo, se l’estate è stata così non potete immaginare cosa sarà l’autunno, con i poteri forti che ci stanno facendo la guerra in questo momento“. A dirlo è il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio a Sky Tg24.

Il vicepremier ha poi aggiunto che l’esecutivo intende effettuare una “legge di bilancio coraggiosa che mette al centro i cittadini, ma se in Europa ci hanno trattato così sul’immigrazione mi immagino cosa faranno sui conti“.

“Se l’Unione europea ci desse dei segnali di aiuto” non solo sui migranti, ma “anche sulla lotta alla povertà e alla disoccupazione, con il reddito di cittadinanza, con la possibilità di eliminare la legge Fornero, noi potremmo ravvederci”, ha detto Luigi Di Maio. “Invece – ha proseguito – il loro atteggiamento è veramente inspiegabile”.

I temi su cui la maggioranza vuole intervenire con riforme sono numerose, a partire dal superamento della legge Fornero con introduzione della quota 100, per proseguire con il reddito di cittadinanza e la lotta alla povertà ed alla disoccupazione. L’atteggiamento del governo sembrerebbe di quello chi si prepara allo scontro .

“Confido nel fatto che questi commissari e burocrati europei prendano coscienza del fatto che loro politicamente hanno le ore contate – ha detto Luigi Di Maio – perché alle prossime elezioni europee saranno spazzati via. Questa gente non vedrà mai più il ruolo di commissario nella propria vita, quindi è meglio che lasciano un ricordo positivo adesso, perché le prossime elezioni europee saranno ancora di più un terremoto rispetto a quelle italiane del 4 marzo”.

Informazioni sull'autore