Riforma delle pensioni, oggi 18 maggio 2018. Le ultime novità su flessibilità in uscita, Opzione donna e legge Fornero

Riforma pensioni, le ultime novità su Quota 100 e la proroga di Opzione donna

Le rassicurazioni degli esponenti di Governo sulla riforma delle pensioni 2019 riguardano l’introduzione di Quota 100 e la proroga di Opzione donna. Se il Vice Premier Luigi Di Maio ha ribadito da Pomigliano D’Arco che “Quota 100 si farà”, qualche giorno fa Davide Aiello, Portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, a proposito di Opzione donna, aveva affermato in un post: “Questa misura dovrebbe essere prorogata per il 2019”. Walter Rizzetto, membro della Commissione lavoro alla Camera, ha, invece, precisato: “In Legge di Stabilità non ci sarà nessuna proroga di Opzione Donna. Nessuna Quota 100. Nessuna pensione di cittadinanza”.

Riforma delle pensioni: Quota 100 ed Opzione donna, il punto di Walter Rizzetto. 

“Pensioni, facciamo un po’ di ordine”, scrive Rizzetto, deputato di Fratelli D’Italia, in un post. “Nessuna/o potrà “fare le carte” per andare in pensione con le su dette modalità il 1 gennaio 2019. Ci saranno, se non modificate, le sole coperture finanziarie per poter capire se e come fare qualcosa”, ha sottolineato.

“Ma siamo al ridicolo, e mi spiego. Come mettere le coperture non conoscendo le quantificazioni?
Ovvero: ad oggi, a fronte di un numero (coperture), io ora non so quanti andranno in pensione con Quota 100 od Opzione Donna. E’ come preparare i soldi per andare a fare la spesa, avere in mente la lista della spesa, ma poi trovarsi al mercato e non avere i soldi sufficienti per prendere tutto. Oppure per prendere qualcosa in più”, ha aggiunto.

Rizzetto ha precisato: “Al netto di questo, che oggi poco conta, le misure tanto pubblicizzate saranno, forse, rese effettive attraverso qualche “collegato” che dovrà essere scritto entro il 30 gennaio 2019, discusso nelle Commissioni e poi in Aula alla Camera ed al Senato. Questo non lo avevano detto, vero? E spero ci stiano lavorando già da ora, al contrario non ce la faranno mai a metterlo in pista e votarlo”.

“Qualcuno, di grazia, mi fa capire cosa sono quindi gli annunci di colleghi che danno per certi alcuni passaggi?”, si è chiesto Rizzetto. “Cercheremo di far cambiare loro idea con le nostre proposte emendative”, ha concluso.

Pensioni anticipate: le ultime novità sulla proroga di Opzione donna. 

In tema di pensioni, tra le proposte emendative al DDL Bilancio approvate dalla Commissione bilancio si trovano alcune che hanno come primo firmatario Walter Rizzetto. In particolare è stato giudicato ammissibile l’emendamento 334/XI/21.010 sulla proroga di Opzione donna: “Dopo l’articolo 21, aggiungere il seguente: Art. 21-bis.(Proroga Opzione Donna).

Al fine di dare attuazione a interventi in materia pensionistica ai sensi dell’articolo 21, comma 2, e a valere sulle risorse del fondo di cui al medesimo comma, all’articolo 1, comma 222, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, le parole: «il 31 dicembre 2015», sono sostituite con le seguenti: «il 31 dicembre 2019 quale termine ultimo entro il quale perfezionare»”.

“All’ On. Walter Rizzetto (FdI) un grazie per l’eccellente lavoro: le competenze non si improvvisano e qui ne abbiamo una prova tangibile; ora attendiamo di conoscere l’esito dopo l’esame di ammissibilità effettuato come da prassi ieri, in Commissione Bilancio”, ha commentato Orietta Armiliato, amministratrice del Comitato Opzione Donna Social, a proposito delle ultime novità sugli emendamenti presentati da Rizzetto.