Tagli capelli 2018: in controtendenza al super corto, le chiome extralong alla Raperonzolo

La moda del 2018 per quanto riguarda i tagli di capelli ci vuole tutte con le teste scoperte: semi-rasate, iper-colorate, maxi-ossigenate. La lunghezza più ambita ed accettabile è quella rasospalle, e non oltre. Ma vi è la controtendenza, ovvero la chioma lunga, anzi lunghissima, da principessa Sissi o moderna Zarina.  Le fashion addicted da streetstyle appaiono perfette gestendo i loro lunghissimi capelli con semplicissime acconciature: con ciuffo laterale comodo da gestire, con il diktat della riga centrale, con il balayage o shatush accoppiato a frangetta (onnipresente quest’anno), con baschetto abbinato a coda bassa per la combo più bohémienne della stagione.

Per avere capelli lunghissimi… tagliarli poco ogni due mesi!

Chi ha i capelli lunghi, o chi se li vuole far crescere lunghissimi, sa che questi richiedono costanza, dedizione e cura. Avere, o costruire nel tempo, una chioma alla Raperonzolo impegna, ma piace a molte di noi. Un taglio simile è molto femminile e permette di giocare con i capelli con svariate acconciature e con differenti textures. La chioma diventa territorio di sperimentazione attraverso stirature, arricciature, torsioni che hanno come obiettivo l’aspetto liscio, a onde, frisé, boccoloso.

Marco Di Maio, titolare del salone La Prima Milano, raccomanda «per raggiungere lunghezze ragguardevoli bisognerebbe tagliarli poco, una volta ogni due mesi in modo da mantenere sempre le punte sane». Niente di più vero anche se chi ha i capelli lunghi non ci andrebbe quasi mai, proprio per paura di accorciarli troppo.