Terremoto, scossa di magnitudo 5,1 in Molise, in provincia di Campobasso

Terremoto, scossa di magnitudo 5,1 in Molise, in provincia di Campobasso

Trema ancora la terra in centro Italia in Molise, in provincia di Campobasso. Ieri sera, giovedì 16 agosto 2018, intorno alle 20.19 è stata registrata una scossa di magnitudo 5.1 a 4 chilometri da Montecilfone con epicentro a 9 chilometri da Ancona.

Scossa di magnitudo 5,1 in Molise, in provincia di Campobasso.

L’epicentro è in provincia di Campobasso a quattro chilometri a Sud-Est di Montecilfone dove già si era registrata un’altra scossa nella notte tra il 14 e il 15 agosto. La scossa è stata avvertita anche in Abruzzo, Lazio e Campania.

Il governatore della regione Molise Donato Toma ha comunicato che non ci sono notizie di “danni importanti” ad edifici o persone. Mentre i vigili del Fuoco hanno informato che non sono pervenute richieste di soccorso in regione.

In seguito alla scossa di 5.1 Richter, sono state numerose le scosse di assestamento superiori al 2.5 Richter sono state registrate dall’Ingv. E sono rispettivamente di 2.8 a Montecilfone (20:26), 3.0 a Guglionesi (20:30), 2.5 Guglionesi (20:38), 3.0 Montecilfone (20:43), 2.5 San Giacomo degli Schiavoni (20:58), 3.5 Palata (21:28), 2.5 Guglionesi (22:17) e 4.5 a Montecilfone (22:22). Secondo l’Ingv, la dinamica del sisma è molto simile al terremoto che ha interessato la regione nel 2002, ma “la faglia è diversa”.

Lievi danni sono stati registrati a Palata, distante pochi km dall’epicentro del sisma. Da quanto si apprende, in seguito alle prime ricognizioni, vi sarebbero delle crepe nei muri e danni all’interno di alcune abitazioni. Crolli sono stati segnalati anche ad Acquaviva Collecroce, dove un lampione della pubblica illuminazione sarebbe caduto.