Verissimo: ospiti nel salotto di Silvia Toffanin i naufraghi dell’Isola dei famosi!

Verissimo: ospiti nel salotto di Silvia Toffanin i naufraghi dell'Isola dei famosi

Nella puntata di oggi, sabato 21 aprile 2018, a Verissimo, tra gli ospiti ci saranno i naufraghi della tredicesima edizione de L’Isola dei Famosi. Il vincitore del reality, Nino Formicola, rilascerà la sua prima intervista in tv dopo l’esperienza in Honduras.

Verissimo: l’intervista a i naufraghi dell’Isola dei famosi.

I naufraghi dell’ultima edizione de “L’Isola dei Famosi” saranno i protagonisti della puntata di “Verissimo” di oggi pomeriggio, dove si racconteranno in un’intervista esclusiva. Il vincitore Nino Formicola ha raccontato a Silvia Toffanin una periodo buio della sua vita: “Se non sei in tv non esisti e io non venivo più invitato in televisione neppure a sventolare una bandierina. Ho passato anni terribili.“.

Ha proseguito il suo racconto: “La sorella della mia compagna, che era anche una mia amica, si è ammalata di tumore e in un anno è morta. Non faccio in tempo a riprendermi che neppure un anno dopo si è ammalato Andrea (Zuzzurro ndr) che poi è morto, poi dopo tre mesi è successa la stessa cosa a mio padre e poco dopo ha iniziato a stare male anche mia madre. Se tutto ciò non bastasse sono rimasto senza lavorare per un anno e mezzo. Mi sono trovato a debuttare da solo sul palco a 60 anni e fortunatamente mi è venuto bene, lo spettacolo funziona”.

Francesca Cipriani, invece, ha detto: “A 12 anni sono stata vittima di atti di bullismo e per questo ho sofferto tanto. E’ stato un periodo buio, non uscivo più di casa. Era l’età dell’adolescenza e io ero un po’ tonda e molto buona. Ero diventata il capro espiatorio del gruppo. I compagni di scuola mi emarginavano e mi prendevano in giro ogni giorno. Mi buttavano nel cestino gli occhiali da vista e mi tagliavano i capelli”.

Poi la showgirl ha raccontato: “A 19 anni il mio primo datore di lavoro ha tentato di violentarmi, chiudendomi con lui a chiave in negozio verso le otto di sera. Mi sono sentita male e sono svenuta, poi mia mamma quando sono tornata a casa mi ha vista e mi ha portata all’ospedale. L’ho denunciato ed è stato fatto un processo!“.